Napoli, confessione choc della donna che ha ucciso la madre del salumiere tiktoker

Stefania Russolillo, accusata dell'omicidio della 72enne Rosa Gigante, madre...

Senza paura per la dignità del lavoro: ‘Basta precari usa e getta alle Poste’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il movimento “Lottiamo Insieme” promuove un sit-in di protesta davanti alla Camera dei deputati, in piazza Montecitorio, da tenersi martedì 28 novembre dalle ore 12:00, per reclamare l’occupazione stabile e dignitosa dei lavoratori precari di Poste Italiane. Sono invitati a partecipare tutti i cittadini, i sindacati, le associazioni e gli organi di stampa che abbiano a cuore la dignità e i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori.

PUBBLICITA

Poste Italiane, con la complicità dei vari governi che si sono succeduti negli anni, ha fatto del lavoro precario uno dei punti fermi dell’organizzazione del servizio postale pubblico. Ciò ha creato e continua a creare notevoli disagi agli utenti, che sono sotto gli occhi di tutti. E, al contempo, un esercito di precari, soprattutto giovani, intrappolati nel limbo di una graduatoria che non scorre!

Dal 2017 a oggi, Poste Italiane ha reclutato oltre 80 mila lavoratrici e lavoratori con contratto a tempo determinato (CTD) provvedendo a stabilizzare soltanto 12.500 risorse: molti si licenziano dopo pochi giorni, a causa delle dure condizioni di lavoro a loro riservate; alcuni non superano il periodo di prova; altri non raggiungono la soglia dei sei mesi di servizio, requisito necessario alla stabilizzazione. Ciò nondimeno, l’azienda come una vera fabbrica di precariato ogni anno arruola, sfrutta e getta nuovi addetti al recapito assunti con contratto a termine.

Lottiamo Insieme, movimento spontaneo di protesta nato dal basso, costituito da centinaia di lavoratori precari delle Poste, continua a raccogliere adesioni in tutto il Paese allo scopo di interrompere questo circolo vizioso di precarietà (e sfruttamento), soprattutto giovanile, rivendicando senza paura il proprio diritto al lavoro stabile e dignitoso. Pertanto, si chiamano a raccolta tutti i soggetti interessati per scendere in piazza, uniti, contro la vergogna del precariato di Stato. L’appuntamento è a piazza Montecitorio, di fronte al Parlamento, il 28 novembre a Roma.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE