L'ANALISI

Salernitana, l’ex preparatore atletico: “Il Napoli arriva meglio, ma sarà derby aperto”

SULLO STESSO ARGOMENTO

A Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Domenico Melino, preparatore atletico ed ex preparatore della Salernitana. “Ho avuto modo di seguire i granata sia l’anno scorso che quest’anno. L’anno scorso era una squadra più pratica con Paulo Sousa, riusciva a capitalizzare le poche occasioni che aveva, mentre quest’anno purtroppo non è così”.
“È chiaro che magari nella fase iniziale hanno avuto due infortuni importanti come Coulibaly e Dia, è normale che la squadra ne abbia sofferto. Credo che abbia tutte le condizioni per riuscire a rimettersi in carreggiata. Spero riescano a rimettersi in carreggiata per arrivare alla salvezza”.
“Credo che il Napoli arrivi meglio al derby. Come tutti i derby è aperto a tutti i risultati. So quanto il popolo salernitano tiene a questa partita, durerà un mese. Il Napoli arriva un attimino meglio anche complice la rimonta contro il Milan. Sicuramente lo stadio sarà strapieno e ci sarà un ambiente molto caldo”.
“Il problema del Napoli? Io credo che Spalletti faceva altre richieste. Magari è cambiato il modo di interpretare la gara con Garcia e magari ha delle richieste diverse. Non conoscendo come si allenano e quello che fanno, posso dire ciò che vedo in televisione.  Molte volte prepari le partite durante la settimana, ma in campo risulta tutto diverso. Adesso tutti sanno tutto e nel dettaglio di quello che succede, ma poi in gara le variabili sono molteplici. Penso che Garcia sia stato bravissimo a cambiare in corsa nel secondo tempo e si è vista una squadra diversa. La partita ha milioni di variabili. Ci sono tante partite in una partita”.
“Da fuori è difficile dare un giudizio se non conosci il lavoro nel dettaglio. L’anno scorso ho avuto modo di vedere per 3/4 giorni il lavoro di Spalletti che chiedeva tanto. Forse il lavoro è diverso da quello di Garcia. La preparazione fisica, tecnica e tattica sono un tutt’uno. L’assenza di Osimhen? Stiamo parlando di uno dei giocatori più forti in Europa. Averlo o non averlo cambia il mondo. Ama giocare da solo davanti con due giocatori esterni dove lui è abilissimo. È un giocatore straordinario secondo me è come mangiare e stare a guardare”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




Nella giornata di ieri, la Polizia di Stato ha arrestato un uomo algerino di 46 anni, soggetto a un mandato di arresto internazionale emesso dal Qatar per il reato di emissioni di assegni a vuoto. L'arresto è avvenuto presso una struttura ricettiva nel centro storico...

Prossima Partita

Classifica

IN PRIMO PIANO

Ultime Notizie

Gioia per Allegri a poche ore da Napoli-Juve: la sua cavalla trionfa all’ippodromo di Capannelle

A poche ore dal fischio d'inizio di Napoli-Juventus, una partita di cruciale importanza per il destino della stagione delle due squadre, Massimiliano Allegri ottiene un primo risultato importante. Nel Premio Ceprano, la prima corsa del pomeriggio ippico a Capannelle, l'allenatore bianconero festeggia la vittoria con il debutto italiano della sua Sun Never Sets. Con la sella affidata a Mario Sanna,...