Bottiglia contro auto della Guardia di Finanza a Castellammare: obbligo di dimora per due tifosi del Potenza

SULLO STESSO ARGOMENTO

Avevano prima lanciato una bottiglia di vetro contro un’auto della Guardia di Finanza, quindi avevano aggredito uno dei finanzieri che si trovava a bordo del mezzo.

Per questo due tifosi del Potenza Calcio sono stati raggiunti da un’ordinanza che impone loro l’obbligo di dimora. I fatti si riferiscono alla gara tra la squadra lucana e la Juve Stabia, match disputatosi a Castellammare di Stabia  lo scorso 21 settembre.

Ad eseguire il provvedimento, emesso dal tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina, è stata la polizia: i due soggetti, dei quali non sono state fornite le generalità, sono accusati di lancio di materiale pericoloso in occasione di manifestazioni sportive, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate.

    Stando alle risultanze investigative, i due, poco prima dell’inizio della partita, avrebbero lanciato una bottiglia di vetro contro una vettura della Guardia di Finanza in servizio di ordine pubblico all’esterno dello stadio Menti, prima di scagliarsi contro un finanziere che era intervenuto per procedere al fermo e al controllo del veicolo sul quale viaggiavano i tifosi.

    L’obbligo di dimora nel comune di Potenza impone anche la necessità di presentazione al competente ufficio di polizia giudiziaria in occasione di tutte le partite casalinghe del Potenza Calcio, una prima volta entro e non oltre dieci minuti dall’inizio del primo tempo ed una seconda volta entro e non oltre 10 minuti dall’inizio del secondo tempo.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE