In arrivo la ‘Carta di Napoli’ per la tutela dei patrimoni Unesco

SULLO STESSO ARGOMENTO

A Napoli, si sta svolgendo la conferenza Unesco con la partecipazione di duecento delegazioni provenienti da tutto il mondo, che si protrarrà fino al 29 novembre presso le sale di Palazzo Reale.

L’obiettivo principale dell’evento è individuare e definire una strategia comune per la tutela del patrimonio materiale e immateriale Unesco.

La “Carta dello Spirito di Napoli” conterrà le priorità emerse dalla Conferenza, concentrandosi sul rapporto tra beni materiali e immateriali, i cambiamenti climatici e la lotta al traffico illecito di beni culturali, con un’attenzione particolare all’Italia e alla Grecia. La conferenza è stata aperta dal messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha sottolineato l’importanza della preservazione culturale come espressione di collaborazione tra gli Stati e strumento fondamentale di convivenza civile.

    Mattarella ha evidenziato le nuove sfide come l’interdipendenza, il cambiamento climatico e l’urbanizzazione accelerata, sottolineando l’importanza di rispondere a tali sfide per trasmettere il patrimonio alle generazioni future. La conferenza, voluta dal vice-presidente del Consiglio e ministro degli Affari esteri, Antonio Tajani, e dal ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, è organizzata da Maeci e MiC con il contributo del Comune di Napoli. Il ministro Sangiuliano ha sottolineato che l’evento mira a essere un momento di confronto e scambio di esperienze tra governi per affrontare congiuntamente le sfide del tempo, basandosi sulla Convenzione per la salvaguardia del patrimonio mondiale e la Convenzione per il patrimonio culturale immateriale.

    Tra i temi affrontati, c’è la sostenibilità del turismo e la proposta di regolare l’uso dei centri storici per preservare le identità territoriali. Il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, ha sottolineato la necessità di individuare strumenti di regolazione per proteggere le comunità e preservare le identità nei centri storici.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

    La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

    ‘Babas, memorie di un cane rosso’, Stella Cervasio presenta il suo ultimo libro al Vomero

    Una donna e un incrocio di molosso sono i protagonisti di una storia speciale di amicizia, basata su rispetto e protezione. Il libro "Babas, Memorie...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE