Il giudice tedesco ha dato l’ok alla consegna di Filippo Turetta all’Italia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il presidente del Tribunale tedesco di Naumburg ha dato il via libera alla consegna all’Italia di Filippo Turetta, accusato di aver ucciso l’ex fidanzata Giulia Cecchettin.

In un comunicato diffuso stamattina, il magistrato afferma che, sulla base della documentazione allegata al mandato di arresto europeo contro Turetta, “non ci sono ostacoli” alla consegna dell’indagato alle autorita’ italiane, e sottolinea che lo stesso Turetta l’ha accetata.

La richiesta di consegna all’Italia di Filippo Turetta per l’omicidio di Giulia Cecchettin è arrivata ieri alla Corte d’appello Naumburg, il massimo tribunale della regione tedesca della Sassonia-Anhalt incaricato di decidere sul trasferimento alle autorità italiane del giovane entro “alcuni giorni”.

“I fascicoli sono stati presentati ieri al Tribunale regionale superiore di Naumburg”, ha scritto la procuratrice capo Tatjana Letz riferendosi all’Oberlandesgericht (Olg), una sorta di Corte d’appello, e rispondendo alla domanda se la richiesta italiana fosse arrivata alla stessa Procura generale che deve incaricare l’Olg di esaminarla.

“Se la richiesta della Procura Generale sarà accolta, il cittadino italiano dovrebbe essere trasferito in Italia nel giro di alcuni giorni. Tuttavia, non sono in grado di fornire una data precisa”, si è limitata ad aggiungere Letz.

A Saonara verranno celebrati i funerali di Giulia

Verranno con ogni probabilità celebrati a Saonara, provincia di Padova, la cittadina di origine, i funerali di Giulia Cecchettin. La volontà è stata già espressa all’amministrazione comunale dalla famiglia Cecchettin, e la disponibilità istituzionale è stata già espressa dalla sindaca Michela Lazzaro.

I tempi delle esequie saranno dettati dall’andamento delle indagini, e dipenderanno dal nulla osta della Procura alla riconsegna del corpo, dopo lo svolgimento dell’autopsia. L’amministrazione ha verificato la disponibilità della chiesa parrocchiale – quella di Vigonovo è attualmente sottoposta a lavori di ristrutturazione – e l’eventuale predisposizione di maxischermi sul sagrato, in vista di un prevedibile grande afflusso di persone.

La celebrazione verrà presieduta dal vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla. Per la tumulazione, la volontà è di seppellire la giovane nel cimitero dove già riposta la madre, morta un anno fa.
https://trust.ansa.it/738edc2805736c69e344ee2a96df870c552d740d65cc95145e52d3af022919b3



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE