Castellammare, sequestro beni per 876mila euro a noto commercialista

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nei giorni 9 e 10 novembre il Gruppo della Guardia di Finanza Torre Annunziata ha dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo per equivalente dell’importo di  876.718 euro emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata, su conforme richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di un noto commercialista operante a Castellammare di Stabia indiziato del reato continuato di dichiarazione infedele.

A seguito di una verifica fiscale, condotta dalle Fiamme Gialle anche mediante il ricorso alle indagini finanziarie, è emerso che il professionista, al fine di evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto, avrebbe indicato nelle dichiarazioni dei redditi relative agli anni d’imposta 2019, 2020 e 2021 elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo nonché elementi passivi inesistenti, con una conseguente evasione di IRPEF e di IVA per importi pari, rispettivamente, a 628.385 euro e  248.333 euro.

In particolare, lo stesso risulta aver dichiarato compensi percepiti per l’anno d’imposta 2019 pari a 543.190 euro, a fronte di un reale volume d’affari, constatato dai verificatori, pari ad 1.209.610 euro, determinato sulla scorta delle ingenti movimentazioni finanziarie transitate sui conti correnti, per le quali il professionista non è stato in grado di fornire elementi giustificativi.



    Per lo stesso anno d’imposta sono state, altresì, rilevate numerose spese non adeguatamente documentate dal soggetto verificato, conseguentemente ritenute indeducibili ai fini delle imposte dirette e indetraibili ai fini IVA.

    Anche per i successivi anni d’imposta 2020 e 2021 l’indagato avrebbe occultato al Fisco ulteriori compensi per 751.778 euro, quali accrediti sui conti correnti personali non adeguatamente giustificati, nonché avrebbe indicato nella dichiarazione dei redditi spese ritenute indeducibili per 13.673 euro, con una conseguente sottrazione all’imposizione sia ai fini IRPEF che ai fini IVA.

     Sequestrati una Porsche Macan, una Vespa storia, conti correnti e villa con piscina

    Alla luce delle risultanze emerse, è stato emesso, pertanto, un decreto di sequestro preventivo nei confronti de1l’indagato per l’intero importo illecitamente sottratto a tassazione, costituente il profitto del reato tributario.

    Nel corso dell’esecuzione delle operazioni, a cura della Compagnia della Guardia di Finanza di Castellammare di Stabia, è stata sequestrata l’intera somma di denaro oggetto del provvedimento cautelare reale, sottoponendo al vincolo giudiziario disponibilità finanziarie per  84.676,03 euro, 5 veicoli (tra cui una Porsche Macan e una Vespa storica) per un valore stimato pari ad 75.600 euro, una quota societaria per 500 euro e 5 unità immobiliari (compresa una villa con piscina a Castellammare di Stabia) dal valore complessivo di euro 715.941,97, beni tutti riconducibili al suddetto professionista.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

    C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE