Napoli, arrestati i tre borseggiatori di San Gregorio Armeno

SULLO STESSO ARGOMENTO

Borseggiatori in azione, come da previsioni, nella folla dei Decumani e in particolare a san Gregorio Armeno affollata più che mai da questi giorni in poi fino a dopo Natale.

Ma mentre si discute del senso unico alternato per evitare l’ingolfamento della strada dei pastori sono stati disposti servizi anti crimine da parte del Questore di Napoli proprio per evitare furti e borseggi ai danni di visitatori e turisti.

E così ieri gli agenti del Commissariato Decumani, grazie a questi servizi, nel transitare in via San Gregorio Armeno, hanno notato tre persone che, in sinergia tra loro e con particolari abilità, si stavano impossessando di un telefono cellulare ai danni di una donna, sfilandolo dalla tasca del giubotto.

     Le polizia ha bloccato i tre abili borseggiatori

    I poliziotti, prontamente intervenuti, hanno bloccato e, dopo averli identificati per tre napoletani dai 52 ai 76 anni con precedenti di polizia anche specifici, li hanno arrestati con l’accusa di furto aggravato.

    Infine, il cellulare è stato restituito alla vittima. I servizi delle forze dell’ordine sono continui nella strada e quindi ladri e borseggiatori sono “avvisati”.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

    Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE