Artenauta Teatro: anteprima con Peppe Lanzetta e Raiz

SULLO STESSO ARGOMENTO

La stagione 2023/2024 de “L’Essere & L’Umano”, la rassegna di Artenauta Teatro, con un concept project composto da 7 spettacoli, oltre all’evento inaugurale del 2 dicembre che vedrà Peppe Lanzetta e Raiz protagonisti di un’anteprima nazionale.

La tematica centrale ruoterà attorno all’amore e alla sua trasformazione antropologica nel metaverso, affrontando anche riflessioni sul lavoro, la condizione dei detenuti, e il ruolo della musica come veicolo per la difesa dei diritti civili contro le dittature globali. Gli spettacoli si terranno alle 20.45 presso il Teatro Comunale Diana di Nocera Inferiore (Sa).

La rassegna principale, “L’Essere & L’Umano” di Artenauta, continua a essere un laboratorio di esplorazione dei linguaggi sperimentali della nuova drammaturgia italiana. Il teatro, concepito come uno spazio divertente, riflessivo, spudorato, folle e spietato, offre un luogo per riconsiderare la società contemporanea. La direttrice artistica e regista Simona Tortora spiega che in questa ottava edizione, il teatro sarà la “fune” su cui gli artisti ci porteranno a sognare, giocare con la meraviglia, e sfidare i nostri equilibri. La rappresentazione coinvolge sempre artisti e spettatori, creando incontri che arricchiscono la vita e avviano nuovi percorsi emozionali e intellettuali.

    La rassegna, in programma a partire da gennaio 2024, sarà preceduta da un evento artistico preliminare il 2 dicembre 2023, con l’anteprima nazionale di “Omaggio a Lenny Bruce,” uno spettacolo potente che vedrà Peppe Lanzetta e Raiz come protagonisti. Il Teatro Comunale Diana di Nocera Inferiore sarà il palcoscenico di questo ritorno straordinario del Lanzetta interprete, anticipando anche l’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone di Roma.

    L’opera rende omaggio al leggendario comico americano Lenny Bruce, pioniere della comicità e figura chiave per la controcultura e la stand-up comedy. Lanzetta, insieme ai musicisti Aldo Vigorito al contrabasso e Stefano Giuliano al sax, sarà affiancato dalla voce di Raiz, ex leader degli Almamegretta. L’anteprima nazionale rappresenterà un incontro tra la potenza della parola di Lanzetta e la voce di Raiz, intrecciando musica e teatro con Napoli e brani iconici come “Albergo a ore.”

    L’evento è prodotto da MB Management e Sofy Music, in collaborazione con il Comune di Nocera Inferiore, consolidando un legame artistico con la rassegna “L’Essere & L’Umano.” Un connubio nato dall’affetto comune di Peppe Lanzetta, Mario Berna (produttore dello spettacolo) e Simona Tortora, in memoria del compianto Franco Forte e della reciproca stima artistica.

    Dopo l’anteprima di dicembre si parte il 19 gennaio con Daniele Sepe ensemble e il concerto/performance “Conosci Victor Jara?”. A 23 anni dalla prima pubblicazione discografica Daniele Sepe ritorna al lavoro dedicato al grande musicista cileno Víctor Jara, artista arrestato, torturato e poi ucciso dai militari golpisti agli ordini del dittatore Pinochet. Sepe seleziona composizioni di Jara e altri brani da lui interpretati disegnando il percorso della sua poetica e il contesto socio-culturale in cui viveva. Si prosegue il 2 febbraio con “Fine pena ora”, una corrispondenza lunga 34 anni fra un ergastolano e il giudice che l’ha condannato.

    Tratta dalla storia – vera e autobiografica – descritta dal testo omonimo di Elvio Fassone, magistrato ed ex componente del consiglio Superiore della magistratura, la drammaturgia dello spettacolo è frutto di una serie di interviste a Fassone, dove l’autore ha raccontato l’evoluzione della sua amicizia con Salvatore. Adattamento e regia Simone Schinocca, con Salvatore D’Onofrio, Costanza Maria Frola, Giuseppe Nitti.

    Il 18 febbraio tocca a “Tonno e carciofini-una storia di wrestling” (Menzione Speciale Premio Scenario), di e con Silvio Impegnoso, Ludovico Röhl, Alessandro Sesti. Una storia di amicizia tra due inetti superficiali alla ricerca del successo. Finiranno per trovare nel wrestling il vero senso dell’arte e della vita. La loro stessa amicizia sarà messa a dura prova dall’addestramento che dovranno affrontare per diventare dei veri guerrieri.

    Il 22 marzo la rassegna nocerina torna con “Solo quando lavoro sono felice”, di e con Lorenzo Maragoni e Niccolò Fettarappa. Che ruolo ha il lavoro nelle nostre vite? È una parte della vita? O è la nostra vita stessa? Quanto ci definisce il lavoro? Chi siamo fuori dal lavoro? Nell’era in cui siamo sempre raggiungibili, lavorare in proprio è diventata una moderna forma di schiavitù. Un’ironica conversazione su soldi, capitalismo, tempi di vita e di lavoro, pranzi con se stessi e comica disperazione.

    Il 18 aprile va in scena “Meno di due”, scritto e diretto da Francesco Lagi, con Anna Bellato, Francesco Colella, Leonardo Maddalena. L’amore al tempo dei social. Spettacolo costruito intorno all’incontro tra due adulti che si sono intercettati online e provano a piacersi oltre la barriera pixellata del metaverso. Si accenderà la fiammella? Nel finale il colpo di scena. L’ESSERE & L’UMANO chiude con due opere teatrali prodotte dalla Compagnia Artenauta Teatro.

    Il 10 maggio il pubblico potrà tornare al grande classico de “Le troiane”: chi meglio delle donne, vedove, schiave, concubine, senza patria, senza città, senza figli può rappresentare il dramma della guerra? Euripide lo sa bene, e sa anche quale potenza l’universo femminile possa scatenare in scena. Ecuba, Andromaca, Cassandra hanno perso tutto, la loro città, la libertà, i propri figli e mariti, ma non si lasciano mai schiacciare dalla disperazione.

    Il 24 maggio si chiude con la grande ironia di Woody Allen che accompagnerà il testo drammaturgico di Simona Tortora intitolato “Ernesto”. Un omaggio al regista, attore e commediografo statunitense che ha fatto ridere e riflettere generazioni di spettatori.

    “Giunti all’ottava edizione, Artenauta conferma la sua attenzione alla ricerca di spettacoli di qualità – spiega Giuseppe Citarella, che si occupa dell’organizzazione – Nel manifesto compare un 8 che, visto da altre prospettive, rimanda all’infinito. L’infinito di emozioni che albergano nell’animo umano e che il teatro, gli attori e gli artisti, ricercano continuamente”.

    Il sindaco di Nocera Inferiore Paolo De Maio si dice entusiasta: “L’amministrazione comunale rinnova, con il patrocinio morale, il suo sostegno all’Associazione Artenauta e alla sua proposta artistico-teatrale per la città, ritenendola un qualificato punto di riferimento per la crescita culturale del territorio. Il contributo di Artenauta è un tassello fondamentale che va ad unirsi alle tante altre proposte culturali messe in campo nell’ultimo anno e mezzo di sindacato”.

    A fargli eco l’assessore alla Cultura Federica Fortino: “Siamo felici di partecipare come amministrazione anche quest’anno alla rassegna L’Essere & L’Umano, un appuntamento cresciuto negli anni, oggi atteso e riconosciuto per il suo alto valore artistico, che amplia l’offerta culturale per la città. Il ringraziamento è per Simona Tortora e per la sua associazione, sempre in prima linea per tenere viva la tradizione teatrale a Nocera Inferiore”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Marigliano, rifiuti abusivi scoperti in un’area agricola

    È stato scoperto un deposito di rifiuti abusivo in un locale appartenente a una società locale, situato in un'area agricola senza concessione e in...

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE