Uccise la sorella: massacrato di botte in carcere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Alberto Scagni è stato brutalmente aggredito da due detenuti nella cella che condivideva con loro nel carcere di Sanremo.

L’aggressione è iniziata con botte a mani nude, proseguita con uno sgabello e una sedia, tanto violentemente da causare la rottura delle ossa del viso di Scagni. Gli agenti della Penitenziaria sono intervenuti con la forza, impedendo che l’aggressione portasse alla morte di Scagni.

I due aggressori, detenuti maghrebini condannati per violenza sessuale e ubriachi a causa di una sostanza ottenuta dalla macerazione della frutta, sono stati fermati con l’uso della forza autorizzato dal magistrato di turno.



    La vittima, Alberto Scagni, è stato condannato a 24 anni e 8 mesi di carcere per l’omicidio di sua sorella Alice, avvenuto nell’aprile del 2022. Secondo quanto riportato dai sindacati della Polizia penitenziaria, i due aggressori hanno prima isolato un altro detenuto nella cella e poi hanno iniziato a torturare Scagni con una lama.

    L’aggressione è proseguita con colpi di uno sgabello e una sedia. Gli agenti, armati di scudi e manganelli, sono intervenuti per fermare l’aggressione, ma un agente è rimasto ferito con due costole rotte e 21 giorni di prognosi.

    Alberto Scagni è stato trasferito in condizioni critiche in un pronto soccorso e successivamente operato nel reparto maxillofacciale dell’ospedale Borea di Sanremo, dove è attualmente in coma farmacologico in Rianimazione. I due aggressori sono stati arrestati per tentato omicidio e sequestro di persona, mentre la procura di Imperia ha aperto un fascicolo per gli stessi reati.

    Questa non è la prima volta che Scagni subisce una brutale aggressione in carcere. Già in passato, a Marassi, era stato picchiato dal compagno di cella dopo aver appreso dei dettagli dell’omicidio di Alice Scagni.

    La direzione del carcere aveva deciso di trasferirlo a Sanremo, in una sezione dedicata a detenuti che non dovrebbero rimanere a contatto con gli altri per la gravità dei loro reati. Tuttavia, rimane da capire perché, considerata la natura del suo reato e la precedente aggressione, non fosse stato collocato in una cella singola. Il suo avvocato, Mirko Bertoli, ha risposto: “Bella domanda, è quello che ci domandiamo tutti.”



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    LEGGI ANCHE

    Caracas, esce la colonna sonora del film firmata D’Erasmo

    **La colonna sonora del film "Caracas" di Marco D'Amore firmata da Rodrigo D'Erasmo** La colonna sonora del film "Caracas" di Marco D'Amore, ispirato all'opera letteraria "Napoli Ferrovia" di Ermanno Rea e con un cast composto da Toni Servillo, Marco D'Amore e Lina Camélia Lumbroso, è stata rilasciata in formato digitale il 1° marzo. Rodrigo D'Erasmo, il talentuoso compositore e polistrumentista, ha lavorato alla creazione di una colonna sonora che mescola influenze culturali e musicali, esplorando...

    Francesco Moser testimonial della IX giornata dell’udito

    Francesco Moser è stato il testimonial d'eccezione della IX Giornata dell'Udito, ospitata nella sala della Regina della Camera dei Deputati. Il ciclista italiano più vincente di sempre, 273 le vittorie ottenute da professionista, ha voluto portare il proprio contributo in occasione della celebrazione del World Hearing Day, il più grande evento di sensibilizzazione globale sul tema della salute uditiva organizzato ogni anno il 3 marzo dall'OMS. "Da ex atleta- ha spiegato Moser- posso dire che...

    A Napoli riaperti i termini per bando concorso per 72 funzionari socioeducativi

    I termini per partecipare al concorso per la selezione di 72 dipendenti con il ruolo di funzionario socioeducativo sono stati riaperti. Il bando è stato modificato per consentire a coloro che possiedono titoli di laurea non precedentemente considerati di presentare la domanda. Questa decisione è stata presa in seguito alla raccomandazione dell'assessore all'Istruzione, Maura Striano, che si è mostrato entusiasta di ampliare le opportunità di partecipazione al concorso. I requisiti di ammissione, originariamente elencati nel...

    Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

    Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

    Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

    Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE