IL COMMENTO

Abodi: “Figlio di Tajani assunto in Figc? Cognome non sia un danno”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Credo che chi ha un cognome non debba certamente avere dei privilegi, però non vorrei arrivare al punto che, avendo un cognome, si debba avere addirittura un danno: questo è un presupposto che deve essere parimenti salvaguardato”. Così il ministro per lo Sport e i giovani, Andrea Abodi nel corso del question time in Aula alla Camera.

Il ministro ha risposto ad un’interrogazione del Movimento 5 Stelle in merito agli incarichi e alle assunzioni presso società ed enti operanti in ambito sportivo. Si fa particolare riferimento sull’assunzione di Filippo Tajani, figlio del Ministro degli Affari Esteri, nell’ufficio che si occuperà dell’organizzazione di Euro 2032.

“La Federazione Italiana Giuoco Calcio, come tutte le altre Federazioni sportive nazionali, è un ente di diritto privato retto da norme statutarie e sulle nomine dei vertici della Federcalcio o sulle assunzioni di personale dei suoi uffici interni non risulta alcuna disposizione di legge che ne disciplini la pianta organica e imponga un limite quantitativo e qualitativo alle relative iniziative in materia di assunzioni e collaborazioni di lavoro”, ha aggiunto.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Castellammare, accompagnava ragazzina di 11 anni al centro di riabilitazione e la violentava: arrestato 64enne

È una di quelle storie di cui si fa fatica a raccontare, ma anche a capire. Perché chi compie atti del genere non è...

Enrico Caruso: il podcast originale dedicato al famoso tenore

Il 25 febbraio è il 151° compleanno di Enrico Caruso. Per celebrare l'occasione, verrà pubblicato un podcast originale dedicato al famoso tenore. Il podcast racconta...

Napoli, due furti al distributore di carburante del Centro Direzionale vicino alla Procura

31 mila euro di danni. La denuncia dell’imprenditore 18enne: “Qui dopo le 8 di sera è terra di nessuno. Abbiamo perso tutto.”

Camorra: stesa a Pianura contro la casa del boss Antonio Carillo

Napoli. Prima l'incendio di uno scooter parcheggiato in strada e poi una stesa di avvertimento. Torna la paura, tornano gli spari in via Evangelista...

Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE