Biden annuncia il ritiro dalle presidenziali Usa e lancia Kamala Harris

"È stato il più grande onore della mia vita...

Truffano anziana in Liguria: arrestati al loro ritorno a Napoli con il bottino

SULLO STESSO ARGOMENTO

I Carabinieri della stazione San Pietro a Patierno hanno arrestato per truffa e ricettazione in concorso il 20enne Giuseppe Arino e il 22enne Danilo Monetti. I 2 sono di Vicaria e sono già noti alle forze dell’ordine per precedenti specifici.

PUBBLICITA

E’ tardo pomeriggio e la stazione Carabinieri partenopea viene contattata dai colleghi di La Spezia. Poco prima un’anziana residente a Roncade, in provincia di La Spezia, era stata vittima di una truffa. La donna aveva aperto le porte del suo appartamento a due giovani.

La vittima era caduta nella trappola del “finto maresciallo e del finto avvocato”. Il bottino parla di monili in oro, gioielli e della somma in contanti di mille euro. I carabinieri della sezione operativa della compagnia spezzina avviano immediatamente le indagini e analizzano le immagini dei diversi sistemi di videosorveglianza.

Le indagini portano a due individui e a un’auto: si tratta di un veicolo a noleggio, una Hyundai Kona, presa in una società di rent con sede a Napoli.

I carabinieri partenopei in stretto contatto con quelli liguri decidono di appostarsi nelle vicinanze del rent-car e alle 22 avviene la svolta. Siamo a via Comunale Tavernola quando arriva il suv segnalato. I militari intervengono e bloccano i 2.

 Avevano affittato un Suv per la trasferta in una concessionaria di San Pietro a Patierno

Pochi minuti e, in una sinergia istantanea tra i due reparti dell’Arma, si accerta che le immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza dimostrino come proprio Arino fosse il giovane che materialmente si era impossessato degli oggetti e del denaro dell’anziana vittima in quel di Roncade.

Scatta la perquisizione e i carabinieri trovano nello zaino del 20enne involucri in cellophane contenenti dei monili in oro ed un portagioie con al suo interno altri gioielli e un orologio marca “Bulgari” sempre in oro. Nella tasca del giubbotto del 22enne, invece, la somma in contanti di 4.660 euro e 1 pennino in metallo intarsiato verosimilmente in oro ed argento.

I carabinieri di San Pietro a Patierno si confrontano costantemente con i colleghi della sezione operativa di La Spezia che in quegli istanti sono in compagnia della vittima. Le foto degli oggetti rinvenuti vengono mandate via smartphone ai colleghi del nord Italia e la signora riconosce i propri gioielli e i suoi monili. La merce della donna è però solo una parte di quanto rinvenuto e sequestrato.

Le operazioni terminano in nottata con l’arresto dei 2. Proseguono però le indagini da parte dei carabinieri per verificare dove e quando sia stata rubata l’altra merce e gli altri soldi. Si setacceranno tutte le zone che quell’auto a noleggio ha battuto nel nord Italia. Qualche giorno e la signora di Roncade potrà ottenere ciò che le era stato tolto.
Gli arrestati sono in attesa di giudizio.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

facebook

LEGGI ANCHE

googlenews

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA