Travolto in autostrada, figlio della vittima: ”Hanno ucciso mio padre perché correvano come pazzi e nessuno dice la verità“

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ancora una tragedia per un incidente stradale. Ancora una vittima dell’alta velocità.

Nella serata di martedì 3 ottobre è avvenuto un grave incidente sull’Asse Mediano, nel territorio di Marcianise, in provincia di Caserta: un’Audi e una Renault Scenic si sono scontrate: quest’ultima vettura, dopo l’impatto, si è ribaltata, finendo fuori strada, mentre l’Audi ha terminato la sua corsa contro il guardrail. Lo racconta anche la testata Edizioni Caserta.

Nell’incidente però è stata coinvolta anche una terza auto, una Fiat Doblò, il cui conducente, il 76enne Gennaro Pica di Castel Volturno, è morto sul colpo.

     Il racconto del figlio della vittima

    Secondo quanto racconta il figlio della vittima, che si è rivolto al deputato dell’alleanza Verdi-sinistra Francesco Emilio Borrelli, sembra che il sig. Pica fosse fermo sulla corsia di emergenza perché il carroattrezzi stava caricando la sua auto rimasta in panne.

    L’Audi che viaggiava a fortissima velocità ha impattato l’auto mentre la stavano caricando proprio sul carro attrezzi mandandola di fatto oltre le barriere. Nello scontro l’uomo è stato travolto ed è morto sul colpo e gli autisti del carro attrezzi a loro volta sono stati feriti in modo grave con problemi a braccia e gambe. Sono in corso indagini per omicidio colposo.

    “Hanno ammazzato mio padre, parlano di un singolo incidente tra un’Audi ed una Scenic dove il conducente della Scenic è deceduto per l’impatto.

    Mio padre ha avuto un guasto alla sua vettura e stava lì fermo con il carro attrezzi, l’auto era già sul carro attrezzi quando sono arrivate queste 2 auto, l’Audi e la Scenic, a fortissima velocità ed hanno preso in pieno mio padre, gli uomini del carro attrezzi e gli amici di mio padre che erano in macchina con lui per un totale di 7 persone travolte.

    Mio padre purtroppo è morto sul colpo mentre altre due persone hanno subito gravi ferite e sembra che abbiamo anche perduto degli arti.
    La polizia sta indagando per capire se i due conducenti fossero sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o se avessero bevuto.

    La cosa che mi fa rabbia è che su quella strada non ci sono autovelox o controlli. Lì sfrecciano sempre come pazzi.”- ha raccontato il figlio di Pica.

    “In questo momento drammatico siamo vicini alla famiglia Pica e ci stringiamo attorno al loro dolore.”- dichiara il deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli- “Chiediamo alle Autorità di andare in fondo alla vicenda e di verificare ogni eventuale responsabilità e, nel caso dovessero essere confermate le ipotesi iniziali, di condannare duramente i conducenti che hanno provocato questa assurda morte e che hanno rischiato di fare una strage.

    Quante altre vittime dobbiamo piangere prima che si prendano provvedimenti seri contro la follia e l’alta velocità? Vogliamo più controlli, dispositivi sui maggiori assi viari e riforme al codice della strada.”.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    A Casal di Principe anche i morti hanno firmato la lista elettorale

    La lista elettorale "Casale nel cuore", presentata a Casal di Principe, in provincia di Caserta, includeva un defunto tra i suoi sottoscrittori. Il Comune, guidato dal sindaco Renato Natale, ha segnalato l'anomalia alla Procura di Napoli Nord per indagare su possibili illeciti. La lista, a sostegno del candidato sindaco Ottavio...

    Città della Pizza 2024: a Napoli vincono Bellafesta di Lombardi Pizzeria e Comune di Trattoria Pizzeria da Cesira

    Ieri 20 Maggio si è conclusa con entusiasmo e grande partecipazione la tappa di Napoli de La Città della Pizza 2024. È stato un incontro intenso pieno di professionalità e condivisione che si è respirata durante la tutta la gara. Una giornata che ha celebrato la pizza proprio nella...

    CRONACA NAPOLI