Due omicidi di camorra di 30 anni fa: 4 ordinanze per i boss Licciardi, Lo Russo, Bocchetti e Costagliola

SULLO STESSO ARGOMENTO

Arrivano  a 33 anni di distanza le misure cautelari per due dei tanti omicidi di camorra Cold Case.

Si tratta dell’omicidio di Angelo De Caro ucciso a Napoli in via Gherardo Marone il 6 giugno 1990 e di Pasquale Bevilacqua assassinato a Napoli in via Cupa Coppa di Chiaiano il 6 febbraio 1991.

Su indagine della Dda di Napoli la squadra mobile questa mattina ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di:

    1. LICCIARDI Vincenzo , alias “o chiatt”, detenuto presso la casa di Reclusione di Opera;
    2. BOCCHETTI Gaetano , alias “nanuzz”, internato presso la Casa Circondariale di Tolmezzo;
    3. LO RUSSO Giuseppe , alias Peppe o capitone, detenuto presso il carcere di Catanzaro;
    4. COSTAGLIOLA Carmine , alias “Provolino”;

    In particolare Lo Russo è gravemente indiziato di entrambi gli omicidi, Vincenzo Licciardi e Gaetano Bocchetti di quello di Pasquale Bevilacqua, mentre Carmine Costagliola dell’omicidio di Angelo De Caro.

    Riguardo ai destinatari si segnala che Lo Russo è vertice dell’omonimo clan egemone nei quartieri di Miano, Chiaiano, Piscinola e Marianella. È detenuto ininterrottamente dal 24 luglio 1998 a causa di una pena a 25 anni di reclusione per associazione camorristica, omicidio, estorsione e reati in materia di stupefacenti.

    Nei suoi confronti l’ordinanza è stata emessa a conferma della misura provvisoria successiva alla convalida del fermo, eseguito il 3 ottobre su delega della Direzione Distrettuale Antimafia.

     Vincenzo Licciardi è vertice dell’omonimo clan egemone nei quartieri di Secondigliano e zone limitrofe. È detenuto dal 7 febbraio 1998 per una condanna a 21 anni di reclusione per associazione camorristica, omicidio, estorsione e reati in materia di stupefacenti.

     Gaetano Bocchetti, vertice del gruppo Bocchetti – Sacco, egemone nel rione Don Guanella, è detenuto dal 24 settembre 1998 e sta scontando 25 anni di reclusione per associazione camorristica, omicidio, estorsione e reati in materia di stupefacenti.

    Infine, Carmine Costagliola, rintracciato a Roma unitamente a personale della locale Questura, era legato ai Lo Russo, federati con i citati Licciardi e Sacco Bocchetti nell’Alleanza di Secondigliano.

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE