LA NOTA

Lega Salvini: “Serve cambiamento radicale nel calcio, a partire dalle dimissioni di Gravina”

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Lega Salvini Premier chiede una serie riflessione e azioni immediate per ripristinare l’integrità e la fiducia nel calcio italiano. Il monito arriva da un comunicato pubblicato nella giornata odierna e che fa riferimento, naturalmente, al caso scommesse che ha coinvolto diversi giocatori di Serie A.

“Alla luce di quanto è accaduto e sta emergendo nel calcio italiano, tra scommesse, doping, fallimenti sportivi, problemi infrastrutturali e televisivi, crisi economiche: cosa deve ancora accadere per rivoluzionare la guida del movimento?”, si chiede il partito capitanato da Matteo Salvini.

“È sempre più necessario, per rispetto dei milioni di appassionati di questo sport e in particolare di quelli che sono i ragazzi più giovani, attuare un radicale cambiamento che dovrebbe iniziare con le dimissioni del Presidente della Figc, Gabriele Gravina, conclude la nota.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE