Aversa, agente penitenziaria accusato di aver introdotto un telefono in carcere mai sequestrato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Agente penitenziario del carcere di Aversa accusato di aver introdotto illegalmente trelefoni cellulari per i detenuti è finito sotto processo ma nel corso del dibattimento in aula si è scoperto che il nome non  compare mai negli atti.

E tra l’altro il detenuto che lo accusava si è avvalso dalla facoltà di non rispondere e del telefono che l’agente avrebbe fatto entrare non c’è stata mai alcuna traccia e mai è stato sequestrato e la cosa  piu’ significativi per la difesa dell’agente è che sul verbale/relazione di chi ha fatto quel indagine non è stato mai fatto e scritto il suo nome e cognome.

Solo ieri è emerso questa cosa in udienza: la registrazione della conversazione in cui il nome dell’imputato non compare.

    Il processo si sta celebrando dinanzi alla Seconda Sezione Penale del tribunale di Napoli Nord presieduta dal giudice Giuseppe Cioffi nel processo a carico di un 32enne di Trentola Ducenta agente della polizia penitenziaria finito sotto processo per aver fornito droga e cellulari per i detenuti del carcere di Aversa.

     Fermato dai suoi colleghi nel 2020

    Nell’aprile del 2020, in pieno lockdown, l’agente venne bloccato dai suoi colleghi dopo una complessa indagine coordinata dalla Procura di Napoli Nord. Il poliziotto, secondo quanto emerso, si era messo a disposizione di alcuni detenuti consentendo loro di avere accesso a telefoni cellulari e dosi di droga. E, per i suoi servigi, avrebbe intascato del denaro.

     Chi lo accusava si rifiuta di rispondere e si scopre che il nome non c’è nei verbali

    All’agente vennero contestati i reati di corruzione, traffico di influenze illecite, rivelazione di segreto d’ufficio. Inoltre venne accusato anche di avere preso delle tangenti promettendo, in cambio, l’accesso al concorso per la polizia penitenziaria.

    Si torna in aula a gennaio per l’escussione di ulteriori testi della Procura. L’imputato è assistito dall’avvocato Enzo Guida.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE