Per la prima volta a Napoli XI Concorso Flautistico Internazionale ‘Severino Gazelloni’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Partecipano 32 nazioni, 4 continenti. Montepremi totale di circa 25mila euro.

Conservatorio “San Pietro a Majella” | 26-30 settembre 2023

Torna il Concorso Flautistico Internazionale “Severino Gazzelloni”, arrivato alla undicesima edizione. Si terrà dal 26 al 30 settembre 2023, sotto la guida del M° Salvatore Lombardi, e avrà luogo, per la prima volta, nella sala Martucci del Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli. Il Concorso – aperto a flautisti e ottavinisti di tutte le nazionalità e composto da una giuria di flautisti di fama internazionale – è organizzato dall’Associazione AFI Falaut ets in collaborazione con il Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli, e gode del patrocinio morale di CIDIM-Comitato Nazionale Italiano Musica, AIAM e MED.

    L’evento, intitolato al celebre musicista Severino Gazzelloni – che attraverso le sue numerose performance ha avuto il grande merito di divulgare la conoscenza del flauto presso un pubblico più ampio – si propone lo scopo di sostenere il talento dei giovani offrendo loro nuove opportunità professionali nel mondo della musica. La giuria composta da illustri flautisti internazionali vede la partecipazione di Jean-Claude Gérard (storico caposcuola del flautismo europeo), Andrea Manco (primo flauto dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano), Salvatore Lombardi (solista internazionale e presidente dell’Associazione AFI), Gaetano Panariello (compositore), Nicola Mazzanti (solista internazionale).

    Diversi anche i premi speciali, tra i quali il Premio Glauco Cambursano, Premio Ernesto Köhler e il Premio “Suono Italiano” grazie al quale il vincitore potrà essere invitato dal Cidim a tenere un concerto nell’ambito del progetto internazionale “Suono Italiano”.

    La competizione mette a dura prova i giovani artisti e ne sollecita le capacità talentuose. Ha avuto inizio nei mesi precedenti con una fase eliminatoria online, per poi approdare negli spazi del conservatorio napoletano con la fase finale dividendosi in quattro categorie (Categoria A: per i nati dal 2006 in poi; Categoria B: per i nati dal 2001 al 2005; Categoria C: per i nati dal 1991 al 2000; Categoria Ottavino: per i nati fino al 1991), inoltre vanta un montepremi totale di circa 25mila euro, con borse di studio in denaro, pubblicazioni musicali, consegna di flauti e accessori, pubblicazioni su testate, concerti, pubblicazione di un CD, e la copertina sulla rivista Falaut.

    I numeri. 130 gli iscritti, provenienti da 32 nazioni (Germania, Spagna, Danimarca, Israele, Russia, Corea del Sud, Slovenia, Cina, Lettonia, Giappone, Austria, Serbia, Polonia, Argentina, Taiwan, Svizzera, USA, Ungheria, Romania, Ucraina, Bulgaria, Olanda, Francia, Svezia, Finlandia, Norvegia, Messico, Thailandia, Georgia, Kazakhistan, Nuova Zelanda, Italia) e da 4 continenti ovvero Europa, Asia, Oceania, America (del Nord e del Sud).

    “Siamo onorati e orgogliosi per l’accoglienza che il Conservatorio di musica San Pietro a Majella ci ha accordato – dichiara il M° Salvatore Lombardi – Storica istituzione culturale ed erede di più antiche realtà, da oltre due secoli è la casa della musica a Napoli, il riferimento massimo. Portare qui la nuova edizione del Premio Severino Gazzelloni dà lustro al Falaut e conferma l’impegno che mettiamo nel sostenere i giovani musicisti. In fondo il concorso Gazzelloni è anche un progetto che fa da talent scout. Uno strumento per continuare ad alimentare quella fucina di grandi musicisti che l’Italia e l’Europa da secoli partoriscono. Non è un caso che proprio dal Gazzelloni siano partite carriere internazionali di tutti i vincitori iridati nell’arco di 11 anni. I partecipanti al concorso internazionale diventeranno parte della Storia di Napoli e della sua melodia, in un luogo che è spazio didattico, museo e fucina di talenti. Per questo il nostro riconoscimento va al presidente del conservatorio Luigi Carbone, al direttore Carmine Santaniello e al vicedirettore Gaetano Panariello“.

    AFI e Falaut. Nata nel 1998 e rifondata nel 2007, l’Associazione AFI Falaut ets, con la direzione del M° Salvatore Lombardi, ha organizzato negli anni numerosi eventi, quali: FlautoMania, Falaut Festival, Falaut Day, Falaut Campus, Concorso Flautistico Internazionale “Severino Gazzelloni”, Vallo di Diano Flute Festival. L’Associazione cura anche il progetto editoriale della “Rivista Falaut”, periodico settoriale (magazine flautistico con CD). Lanciato inizialmente come progetto editoriale, dopo poco Falaut, grazie all’entusiasmo dei suoi collaboratori e lettori, si trasforma in un movimento culturale volto alla realizzazione di una serie di eventi legati alla tradizione musicale italiana per la valorizzazione del flauto e dei flautisti italiani. Negli anni, l’AFI ha stretto importanti collaborazioni con enti pubblici e privati.

    Per maggiori informazioni:

    www.falaut.com / www.concorsogazzelloni.it/
    Via Giacomo Puccini 2, 84081 – Baronissi – Salerno – Italia
    Cell. +39 334 2114514 | Mail: info@falaut.it


    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Truffa superbonus a Napoli: sequestrati 93 milioni di euro per crediti fittizi

    Truffa Superbonus: la Guardia di Finanza di Napoli ha...
    DALLA HOME

    Il Frosinone in B, l’Empoli salvo, Napoli senza Europa dopo 14 anni

    Il Frosinone è stata la terza squadra a retrocedere in Serie B, unendosi a Sassuolo e Salernitana, secondo i risultati delle partite serali dell'ultima giornata di campionato. In contrasto, l'Udinese ha ottenuto la salvezza con una vittoria allo Stirpe e l'Empoli ha segnato nel recupero contro la Roma, assicurandosi...

    ULTIME NOTIZIE

    TI POTREBBE INTERESSARE