Nola, minaccia il fratello con un’ascia: inseguito e arrestato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Lunedì mattina, gli agenti del Commissariato di Nola, durante il servizio di controllo del territorio, sono intervenuti in via Castellammare a Piazzolla, frazione di Nola, per la segnalazione di un’aggressione.

Gli operatori, giunti in una corte privata, hanno accertato che un uomo era stato minacciato da suo fratello con un’ascia ed un bastone a scopo estorsivo per poi allontanarsi.

L’indagato, poco dopo, era ritornato nei pressi dell’abitazione dove, dopo aver tagliato frettolosamente gli pneumatici del veicolo di servizio con un coltello, aveva tentato di darsi alla fuga lanciando contro gli operatori alcune pietre cercando di ostacolarli rovesciando dei cassonetti della spazzatura fino a quando, con il supporto dei militari dei Carabinieri di Piazzolla, è stato bloccato in via Parrocchia e trovato in possesso di due coltelli e 3 petardi.

    Pertanto, un 61enne di Nola con precedenti di polizia, è stato tratto in arresto per tentata estorsione, resistenza a Pubblico Ufficiale e danneggiamento aggravato.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Maurizio Costanzo: stasera il ricordo al Teatro Parioli

    Il 24 febbraio 2023, il mondo della televisione italiana ha perso Maurizio Costanzo, una delle figure più influenti tra giornalisti, scrittori e presentatori. A...

    Trasferiti 1,2 milioni dagli Uffizi a Capodimonte

    Il Ministero della Cultura ha disposto il trasferimento di un milione e 200mila euro dal bilancio delle Gallerie degli Uffizi a quello del Museo...

    Spaccio cocaina nel Cilento, 6 misure cautelari

    Spaccio cocaina nel Cilento: 6 persone arrestate da parte dei carabinieri della Compagnia di Agropoli che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE