I problemi di Onana in porta: il giocatore vuole parlare e spiegare

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dopo che un suo ennesimo errore di questo inizio di stagione ha favorito la vittoria del Bayern Monaco sul Manchester United, André Onana ha richiesto di essere intervistato.

È un momento difficile per il Manchester United e soprattutto per André Onana, che, dopo poche settimane dal suo arrivo in Inghilterra, ha già attirato molte critiche da parte della stampa e dei tifosi. Se la squadra di Erik ten Hag è già molto indietro in campionato, a ben 9 punti dal City capolista a causa delle tre sconfitte subite nelle prime cinque giornate, non è andata meglio nemmeno in Champions League. I Red Devils sono stati battuti 4-3 dal Bayern Monaco e l’unico motivo di soddisfazione arriva dal risultato dell’altra partita del Gruppo A, con il Galatasaray che ha pareggiato inaspettatamente contro il Copenaghen dopo essere stato sotto di due reti.

Onana ha subito quattro gol, di cui il primo è stato un errore sbalorditivo del portiere camerunense di 27 anni, che si è fatto perforare dalle maglie da un tiro non irresistibile di Leroy Sané. Le reti subite all’Allianz Arena si aggiungono alle dieci già incassate in Premier League, anche in quel caso con alcune incertezze, il che rende i Red Devils la terza peggior difesa del campionato, dietro a Burnley e Wolverhampton.

    Onana è consapevole di trovarsi in una posizione difficile, ma non si tira indietro e decide di affrontare la situazione faccia a faccia, come aveva già fatto prima della partita contro il Bayern Monaco quando gli era stato chiesto il motivo dei molti gol subiti in questo avvio di stagione. “Quando subiamo gol, la responsabilità è di André Onana. I miei compagni stanno lavorando duramente e se devono dare la colpa a qualcuno, devono darla a me perché sono il portiere”, aveva dichiarato Onana.

    24 ore dopo la partita contro il Bayern, l’ex portiere dell’Inter conferma gli stessi concetti. Onana si fa avanti, prima parlando con TNT Sports e poi chiedendo lui stesso di essere intervistato da CBS Sports per spiegare cosa è successo. Anche questa volta si prende la piena responsabilità di quanto accaduto. “Dopo il mio errore abbiamo perso il controllo della partita, sono stato io a deludere la squadra”, ha detto a TNT Sports. “La squadra stava andando bene, ma non abbiamo vinto a causa mia. Il mio inizio a Manchester non è stato così buono, quella di oggi è una delle mie peggiori partite. Era un’ottima opportunità per noi di superare la pressione che stiamo affrontando, ma è stata dura. Dobbiamo rimanere uniti”.

    L’ex capitano dello United Rio Ferdinand ha elogiato il carattere di Onana per aver parlato senza nascondersi dopo il suo grave errore che ha condizionato la partita. “Lo rispetto. Anch’io ho perso partite, commesso errori e a volte mi sono rifiutato di parlare con i media. Lui ha dimostrato di avere la giusta personalità”.

    Successivamente, Onana si è rivolto ai microfoni di CBS Sports, dopo che l’ex Red Devil Peter Schmeichel ha annunciato: “È stato lui a chiedere di parlare con noi… vuole spiegare cosa è successo”. L’ex giocatore dell’Inter è stato diretto: “Quell’errore ci ha fatto perdere la partita, oggi non abbiamo vinto a causa mia”. Onana ha guadagnato punti con i tifosi del Manchester United grazie al suo comportamento orgoglioso e onesto, ma ora è il momento di dare risultati sul campo.

    Fonte


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    telegram

    Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pitbull di famiglia

    Un'immane tragedia ha colpito la comunità di Palazzolo Vercellese. Un bambino di soli cinque mesi è morto dopo essere stato azzannato da un cane di grossa taglia, un pitbull, all'interno della sua abitazione. I soccorsi sono stati immediati, ma purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare. Il...

    L’allarme di Arcigay: 149 casi di violenza o discriminazione nell’ultimo anno

    Nell'ultimo anno sono stati registrati 149 casi di violenze o discriminazioni ai danni di persone LGBTQI+, con una media di uno ogni due giorni. L'allarme e i dati sono forniti da Arcigay, che tiene il conto degli articoli di stampa e, in occasione della giornata internazionale contro l'omofobia, la...

    IN PRIMO PIANO