Dipendenti Softlab: “Preoccupa futuro, regione Campania intervenga”

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’incontro di mercoledì scorso presso il Mimit non è stato sufficiente a dissipare le preoccupazioni dei dipendenti della Softlab di Caserta riguardo al loro futuro lavorativo.

Circa 200 dipendenti si sono radunati in presidio per chiedere un intervento incisivo da parte della Regione Campania. In una dichiarazione, i lavoratori dell’azienda esprimono il loro disagio per il mancato pagamento degli ultimi tre stipendi e per la scadenza imminente, alla fine del prossimo mese di dicembre, della cassa integrazione.

Nella nota si sottolinea che la situazione è diventata insostenibile, specialmente perché agli ex dipendenti di Jabil era stata promessa e garantita una situazione diversa per convincerli a trasferirsi in Softlab. Purtroppo, nonostante il loro impegno, l’azienda sembra non essere in grado di sostenere le proprie attività e di rispettare gli accordi presi nelle sedi istituzionali.

    Partendo da queste premesse, i dipendenti chiedono alla Regione Campania di svolgere un ruolo istituzionale autorevole e di sostenerli nella loro lotta per la difesa del lavoro e degli stabilimenti produttivi.

    Nel frattempo, i sindacati Fiom, Fim, Uilm, insieme a Cgil, Cisl e Uil di Caserta, hanno programmato un presidio davanti alla sede della Regione Campania in via Santa Lucia, Napoli, per giovedì 14 settembre, a partire dalle 10, per manifestare la loro solidarietà e attirare l’attenzione sul problema.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

    Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE