LE DICHIARAZIONI

Moggi: “Scudetto? Napoli favorito con Milan e Inter. Juve nettamente inferiore”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Oggi a Radio CRC, nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma, è intervenuto Luciano Moggi. L’ex dirigente sportivo di Juventus e Napoli, tra le altre, ha detto la sua sul campionato di Serie A appena iniziato e su quella che per lui sarà la lotta scudetto.

“Se andiamo a guardare quello che fa il Napoli, devo dire che tutti dicono che De Laurentiis è antipatico, ma come contabilizzatore è super e poi sa scegliere bene i suoi collaboratori. Nel calcio di oggi in cui le società sono aziende, c’è bisogno chi sa leggere i bilanci e lui sa farlo”.

“La Juventus ha il vantaggio di non giocare le coppe, ma mi sembra decisamente inferiore a Napoli, Milan e Inter. Farà un buon campionato, non ci sono dubbi su questo, ma per il titolo credo sia lontano. Manca il centrocampo che non è funzionale agli attaccanti che ha e quindi si può ipotizzare un buon campionato e può anche rientrare nelle 4, ma non lottare per lo scudetto”.

“Credo che la Lazio non ripeterà il secondo posto dello scorso anno. Con le stesse forze non può arrivare di nuovo secondo, numericamente il gruppo è più numeroso, ma non si è rinforzata. A Roma stanno osannando Lukaku, ma è poco ancora per la Roma, credo che anche i giallorossi non ripeteranno il campionato dell’anno scorso. Ecco perché penso che la Juve possa inserirsi tra le prime 4”.

“Se alzi troppo l’asticella strapagando un giocatore, poi c’è il corteo del resto della squadra ed è questo il problema principale del monte ingaggi. Il Napoli ha sempre gestito bene questo aspetto, la situazione potrebbe diventare più difficile con Osimhen, se dovesse ripetersi”.

“Al Milan manca la qualità a centrocampo, ma la società ha preso 10 giocatori e ne sta trattando un altro. Il Milan ha modificato l’assetto della squadra, ma così facendo generalmente metti in crisi l’allenatore. Pioli invece ha fatto quello che pochi sanno fare perché il periodo di rodaggio è così breve che il Milan sembra destinato a lottare per il campionato”.

“L’Inter invece è squadra massiccia, viene da un campionato fatto bene ed ha inserito giocatori importanti. La società ha disegnato una squadra in cui per ogni ruolo ci sono 2 giocatori, come ha fatto il Napoli e questo mi fa pensare che possa competere col Napoli per lo scudetto anche se ritengo gli azzurri ancora un filo avanti”.

“Mancini? Se fosse vero quello che dice la Federazione, non dovevano mandarlo via, considerando che era vincolato da un contratto. Detto questo, chiunque al posto di Mancini avrebbe fatto quella scelta. Abodi ha detto che c’era una norma per far tornare i giocatori italiani in patria, ma la stiamo usando per far venire gli stranieri tramite il decreto crescita. Questo vuol dire che la Federazione fa il contrario di quello che dovrebbe fare”.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

A Scena Teatro workshop con Giuseppe Sartori ‘Premio Stampa Teatro’

Workshop teatrale con Giuseppe Sartori: "Premio Stampa Teatro" Il “Teatralmente parlando” è il workshop che si terrà presso l'Auditorium del centro sociale di Salerno...

Calzona: “Abbiamo sofferto, ma la squadra ha dato l’anima. Dobbiamo lavorare”

Francesco Calzona, allenatore del Napoli, ha rilasciato dichiarazioni ai microfoni di Prime Video al termine dell'incontro di andata degli ottavi di finale, che ha...

Sequestro La Sonrisa previsto per domani corteo dei dipendenti

I dipendenti del Grand Hotel La Sonrisa stanno affrontando una situazione di incertezza riguardo al proprio futuro occupazionale, dopo la sentenza di confisca definitiva...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE