‘Chi è devoto a San Gennaro?’ è il titolo della nuova video installazione del Tesoro di San Gennaro

Una Nuova Video Installazione al Museo del Tesoro di...
LA GIORNATA

La Nazionale Under 19 campione d’Europa oggi ricevuta da Gravina, Abodi e Malagò

SULLO STESSO ARGOMENTO

Questo pomeriggio alle ore 17.30 la Nazionale Under 19, che ieri sera si è laureata Campione d’Europa, sarà ricevuta, al rientro in Italia, presso la sede della Figc. Ad accogliere gli Azzurrini il presidente federale Gabriele Gravina, insieme al ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi e al presidente del Coni Giovanni Malagò.

PUBBLICITA

“Questo successo è merito dei ragazzi, del loro lavoro, dello staff, ma anche della filiera del nostro Club Italia, che costruisce dall’Under 15 squadre e calciatori che ci rappresentano a livello internazionale e che maturano per le categorie superiori”, ha detto Alberto Bollini, tecnico al secondo anno nel Club Italia e già due allori in bacheca, il Torneo 8 Nazioni 2022 con l’Under 20 e questo Europeo Under 19 appena celebrato.

“Alla base – continua – c’è un ottimo lavoro, a cominciare da Maurizio Viscidi che vive per la Federazione, per tutti noi tecnici e per tutti i ragazzi. E poi a monte la Federazione e la sua struttura organizzativa: non ci ha fatto mai mancare nulla, sia il supporto della dirigenza, a cominciare dal Presidente Gravina, che quello della struttura operativa che ci ha messo nelle migliori condizioni di lavorare tutto l’anno”.

Un ringraziamento anche all’organizzazione: “Complimenti alla Federazione di Malta per l’organizzazione e anche alla Uefa, è stato un torneo di alto livello e giocato nelle migliori condizioni”. E poi un plauso a se stesso, ma esteso a tanti colleghi: “Sono orgoglioso di aver ottenuto questo successo e lo dedico ai ragazzi e ai tecnici che hanno li hanno fatti crescere negli anni precedenti, stasera hanno vinto anche tutti loro”.

Nazionale Under 19 campione, le parole del ct Bollini

Un cammino iniziato da lontano, non senza difficoltà quello che ha portato al trionfo, soprattutto quando nella Prima Fase una falsa partenza (ko con l’Estonia) stava per compromettere tutto: gli Azzurrini vincono le altre due gare e chiudono però al terzo posto per differenza reti (dietro Estonia e Polonia) e restano in bilico fino a fine novembre, quando arriva l’ufficialità del ripescaggio come migliore terza per la seconda fase.

“L’identità di una squadra – commenta Bollini – si costruisce piano piano: ci siamo ritrovati a settembre e ogni step ha rappresentato una grande esperienza, per i ragazzi a livello individuale e per il gruppo. Questa è una squadra che non ha mai mollato, e questo è stato il primo ingrediente che ci ha portato al successo, soprattutto quando eravamo in bilico, già dal primo girone. Poi a marzo siamo arrivati alla sxeconda fase on un mini torneo da giocare in casa della Germania, la favorita per l’Europeo, con tanti ragazzi già nelle prime squadre. Siamo riusciti a batterli a casa loro e poi a vincere un gruppo nel quale c’era anche il Belgio. Ho sempre pensato che quel girone fosse già un mini Europeo vinto”. Dopo il successo della seconda fase Bollini aveva già visto lungo: “Un grande gruppo con un grande cuore e un grande staff che è riuscito a trasformare tutto il negativo in forza e determinazione”.

Un cuore che a Malta è diventato ancora più forte, soprattutto dopo quel macigno rappresentato dal 5-1 con il Portogallo: “Avevo subito avvisato i ragazzi che dovevamo guadagnarci tutto giorno per giorno, poi il segreto è stato recuperare le energie fisiche e mentali dopo aver perso immeritatamente, perché quel risultato non era la fotografia del nostro gruppo. In pochi giorni ci siamo inventati alcune cose per dimenticare e voltare pagina, prima della Polonia sembrava che fosse passato un mese dalla gara precedente”.

Un trionfo che si pone in linea con quello degli Azzurri di Mancini a Euro 2020, una vittoria attraverso un Calcio moderno: “Sì, il capolavoro è stato nel gioco, abbiamo affrontato dei colossi a livello di Calcio giovanile e di talenti, come Spagna e Portogallo, oltre che Germania e Belgio nella seconda fase, e li abbiamo arginati con un Calcio moderno, propositivo e offensivo. Con la Spagna abbiamo sempre fatto la partita, così come oggi con il Portogallo, soprattutto nel primo tempo, e non dimentichiamo che questa era una squadra che non aveva mai perso in un anno”. Oltre al gioco, lo spirito di gruppo: “Quando in un gruppo vedi il secondo portiere che abbraccia il primo e quelli che stanno fuori sono i primi tifosi a soffrire, vuol dire che c’è una squadra, non è un segreto ma una ricetta vincente”.

Infine, una condizione atletica che è andata via via crescendo. In una chiacchierata alla vigilia dell’esordio della Fase Finale, Bollini sapeva di dover lavorare con attenzione: “Abbiamo un gruppo che va a diverse velocità, c’è chi è stato al Mondiale Under 20 e deve recuperare, c’è chi si è fermato da tempo perché il campionato Primavera è finito da tanto, e chi ha proseguito a giocare fino a pochi giorni fa. Ecco, su questo dobbiamo lavorare per portare tutti alle stesse condizioni e non è semplice”.

Nazionale Under 19 campione, parla il match winner Kayode

Poco dopo sfila anche il match winner in sala stampa, Michael Kayode, emozionatissimo: “Non so come spiegare il gol, non mi aspettavo di segnare da ala destra, anche perchè era un ruolo che non facevo da tanto. Il mister ha creduto in me e mi ha chiesto di fare questo ruolo, mi sono abituato subito ed è stato fantastico”. Un uomo ovunque Michael Kayode, utilizzato in stagione da Bolllini in tantissime posizioni: “La squadra e il tecnico si fidano molto, io mi metto a disposizione, ed ora sono felice”.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui



I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE