Meteo, torna El Nino: rischio caldo record

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Le condizioni di El Niño si sono sviluppate nel Pacifico tropicale per la prima volta in sette anni, ponendo le basi per un probabile aumento delle temperature globali e condizioni meteorologiche e climatiche dirompenti”.

È quanto annuncia l’Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo). Il fenomeno atmosferico di riscaldamento del Pacifico tropicale centrale e orientale, noto con il nome di El Niño, rischia di far registrare in vari Paesi del mondo un caldo record.

Secondo gli studi del Wmo, esiste una probabilità del 98% che almeno uno dei prossimi cinque anni, e il quinquennio nel suo insieme, sarà il più caldo mai registrato, battendo il record ambientato nel 2016 quando ci fu un El Niño eccezionalmente forte.

    “L’inizio di El Niño aumenterà notevolmente la probabilità di battere i record di temperatura e innescare un calore più estremo in molte parti del mondo e nell’oceano”, ha affermato il segretario generale del Wmo, il Prof. Petteri Taalas.

    “La dichiarazione di El Niño da parte del Wmo è il segnale ai governi di tutto il mondo di mobilitare i preparativi per limitare gli impatti sulla nostra salute , sui nostri ecosistemi e sulle nostre economie”, ha aggiunto Taalas, “gli allarmi precoci e l’azione preventiva di eventi meteorologici estremi associati a questo importante fenomeno climatico sono fondamentali per salvare vite umane e mezzi di sussistenza”.

    “Questo non significa che nei prossimi cinque anni supereremo il livello di 1,5°C indicato nell’Accordo di Parigi, perché tale accordo si riferisce al riscaldamento a lungo termine per molti anni.

    Tuttavia, è un altro campanello d’allarme, o un avvertimento precoce, del fatto che non stiamo ancora andando nella giusta direzione per limitare il riscaldamento entro gli obiettivi fissati a Parigi nel 2015, volti a ridurre in modo sostanziale l’impatto dei cambiamenti climatici”, ha dichiarato il Direttore del Servizio Clima del Wmo. Chris Hewitt.

    Secondo i rapporti sullo Stato del clima globale dell’OMM, il 2016 è l’anno più caldo mai registrato a causa del “doppio colpo” di un evento El Niño molto potente e del riscaldamento indotto dall’uomo a causa dei gas serra.

    L’effetto sulle temperature globali si manifesta di solito nell’anno successivo al suo sviluppo e quindi sarà probabilmente più evidente nel 2024. La temperatura media globale nel 2022 è stata di circa 15 °C superiore alla media del periodo 1850-1900 a causa del raffreddamento di La Niña a triplo salto.

    Leggi anche



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE