Garante dei detenuti di Caserta indagata, Ciambriello: ‘Addolorato’

SULLO STESSO ARGOMENTO

​”Sono profondamente addolorato per la vicenda che vede coinvolta Emanuela Belcuore, garante dei detenuti della provincia di Caserta”.

Lo dichiara Samuele Ciambriello, garante dei diritti delle persone private della libertà personale della Campania, commentando la notizia dell’indagine che vede coinvolta Belcuore.

“Anzitutto – aggiunge Ciambriello – è bene ricordare che, essendo nella fase delle indagini, non vi è stato ancora un definitivo accertamento dei fatti oggetto di contestazione, pertanto, sono da ritenersi inopportuni i ‘processi’, i gossip e i resoconti con dimensione sessista che spuntano nel mondo dell’informazione. .



    Senza dubbio, sia la Belcuore sia i soggetti coinvolti nella vicenda risponderanno nelle sedi opportune al fine di ricostruire la dinamica dei fatti e far emergere la verità sull’unico caso contestato. Siamo garanti e, in quanto tali, invochiamo il rispetto del principio di presunzione di innocenza”.

    Secondo Ciambriello “vi è inoltre chi, strumentalizzando l’indagine in corso, fa erroneamente riferimento all’arresto dell’ex Garante dei detenuti di Napoli, Pietro Ioia. Non vi è nessuna relazione fra i due fatti, dunque, di che parliamo?

    Dulcis in fundo, ancora una volta, questa vicenda diviene il pretesto per sminuire, svilire, se non addirittura ‘silenziare’ la funzione del Garante, autorità di garanzia indipendente, nominata dall’autorità pubblica. Basta con il becero moralismo e il populismo penale.

    Non vorrei che qualcuno dimenticasse le battaglie, le coraggiose denunce, nonché gli interventi su ‘Pianeta Carceri’ che Emanuela Belcuore ha fatto nel corso di questi ultimi anni”, conclude Ciambriello.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE