L'APPELLO

Avellino, ex dipendenti di Isochimica chiedono aiuto a Mattarella

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Quella che si era prospettata come un’occasione di riscatto e di stabilità per le nostre famiglie, si è trasformata in un incubo”. È uno dei passaggi contenuti nella lettera che quattro ex scoibentatori dell’Isochimica di Avellino hanno inviato al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con la richiesta di essere ricevuti al Quirinale.

Dopo il processo penale in primo grado, nel quale furono condannati a dieci anni di reclusione ciascuno due dirigenti dell’azienda fondata da Elio Graziano e due ex dipendenti di Ferrovie dello Stato, il giudizio civile per i risarcimenti è fermo da cinque anni. Le vittime di patologie asbesto-correlate sono state 35 e, come scrivono Carlo Sessa, Antonio Olivieri, Mario Giordano e Claudio Fausto, “234 ex lavoratori si sono ammalati a causa della prolungata esposizione all’amianto. Tra questi, sistematicamente – ricordano gli ex scoibentatori – uno al mese sta perdendo la vita”.

Una tragedia che resta sotto traccia, aggiungono, anche perché non sostenuta dal clamore mediatico che “in altri drammi italiani ha favorito una più celere soluzione in via transattiva”. Gli ex lavoratori chiedono a Mattarella “giustizia per la nostra salute rubata e per il dolore patito dalle nostre famiglie”. L’esito paradossale che viene sottolineato è che nonostante il riconoscimento della condizione di “malati di Stato”, “siamo stati abbandonati dalle istituzioni nella prospettiva di una morte silenziosa e privati della nostra dignità di lavoratori e cittadini”.

Da qui la richiesta al presidente della Repubblica: “Confidiamo in lei per riaccendere la nostra speranza. Vorremmo raccontarle da vicino la sofferenza di chi è stato vittima per quarant’anni di un crimine di Stato”. L’Isochimica cominciò le sue produzioni nel centro di Avellino a Borgo Ferrovia nel 1982 e venne chiusa nel 1989 dal pretore di Firenze, Beniamino Deidda, competente in quanto le carrozze scoibentate ad Avellino erano destinate a Prato.



Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

telegram

LIVE NEWS

Punta Campanella, due giornate per la tutela dei delfini

Il 20 e il 21 maggio si è tenuto il Corso di Doplhin watching nell'ambito del progetto europeo Life Delfi. Coinvolti pescatori e altri operatori del mare. In fase di sperimentazione nuovi dissuasori realizzati con l'intelligenza artificiale. Terranno i delfini lontani dalle reti da pesca. Imparare ad avvistare i delfini...

Campi Flegrei, nuova scossa di magnitudo 3.4 alle 8:28. Avvertita a Napoli, scuole evacuate a Procida

Alle 8:28 di questa mattina, una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 ha colpito i Campi Flegrei, con l'epicentro a una profondità di 4 chilometri, secondo quanto riportato dall'INGV. Numerose segnalazioni sui social hanno riferito anche di un forte odore di zolfo percepito nell'aria sin dalle prime ore del...

CRONACA NAPOLI