IL FATTO

Un messaggio Whatsapp e una bimba di 12 anni salvano donna da violenze a Ischia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un messaggio whatsapp con un segnale ben preciso, un pollice all’insù. Un messaggio che significava che la donna stava subendo di nuovo botte dal compagno ed era in pericolo. Era questo il ‘patto’ tra due amiche. E così quando è arrivato il messaggio con la specifica emoticon, la donna ha subito chiamato i carabinieri.

E’ accaduto a Casamicciola Terme, a Ischia, dove l’uomo è stato arrestato anche grazie a sua figlia di 12 anni che ha provato a difendere la mamma e che ha raccontato ai carabinieri quanto stava accadendo. I militari, dopo la segnalazione dell’amica, hanno raggiunto la casa della vittima, una donna di circa 50 anni. L’hanno trovata in lacrime, un livido sull’occhio destro. Ai militari ha detto che andava tutto bene ma la sua bimba di 12 anni è intervenuta e ha detto “arrestate papà perché picchia mamma”.

E’ così che i militari hanno capito che l’uomo era ancora in casa: l’hanno infatti sorpreso sul retro mentre stava provando a scappare. Una storia, quella di Casamicciola, fatta di violenze durate anni, fino a ieri: due pugni alle tempie e uno sull’occhio. La bimba era presente tanto da mettersi tra i due al momento dell’aggressione per difendere la propria madre.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Ischia: proseguono ricerche 51enne scomparsa a Casamicciola

Proseguono a Ischia le ricerche di Antonella Di Massa, 51enne di Casamicciola Terme scomparsa lo scorso sabato 17 febbraio. Oggi pomeriggio, convocata dal prefetto...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE