Vesuvius Film Festival IV edizione, ecco i vincitori

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una pioggia di premi per la quarta edizione del “Vesuvius Film Festival”.

Il concorso cinematografico promosso dall’associazione Arteggiando e ideato e diretto dalla presidente dell’associazione Giovanna D’Amodio, in collaborazione con il Centro Studi TE.AM e con il Museo della Pace – Fondazione Mediterraneo e gemellato con il Festival The Diamond of the Heart, si è concluso con un grande successo di pubblico e tanta partecipazione.

“Siamo soddisfatti del successo e delle tante partecipazioni di questa quarta edizione”, ha detto l’architetto, ideatore e direttore artistico, Giovanna D’Amodio.

    “Il Festival – ha aggiunto – nella sua evoluzione promuove la conoscenza e la diffusione di prodotti di alto valore artistico nel campo ambientale, cercando di contribuire alla crescita culturale e alla formazione di una matura coscienza ecologista nelle giovani generazioni, per la salvaguardia dell’ecosistema ambientale. diventando a pieno titolo un Festival ambientale campano”.

    Lo scorso 15 giugno, gran pienone all’Auditorium del Consiglio Regionale, dove si è svolta la cerimonia delle premiazioni della sezione I del Festival dedicata a scuole, università, accademie e associazioni.

    Per le scuole di I grado, nel genere spot, ad aggiudicarsi il premio è stato il lavoro “Pop – Protect our planet” – IC G. Siani / Tutor Prof. Romeo Fucci; per il genere corto invece, primo premio a “La bellezza RIsveglia i cuori” – IC Pimentel Fonseca, Pontecagnano/ Tutor Prof.ssa Daniela de Crescenzo. Per le scuole di secondo grado ha vinto, genere spot, “La bellezza salvera’ il mondo” – ITCG Vilfredo Pareto di Pozzuoli / Tutor Professoressa Annunziata di Martino; per genere corto invece, “Non ti scordar di me – Liceo artistico Ip Francesco Grandi (Sorrento)/ tutor prof.ssa Giuseppina Somma.

    Per le università, primo premio nel genere corto a “Close up” – Università Suor Orsola Benincasa Napoli, master di cinema / registi Ugo Lanzotti e Sara D’angelo; per il genere docufilm, invece, ha vinto “Emigranti cineasta, regia di un successo” – Università Federico II Napoli, dipartimento di scienze sociali / regia Alberto Baldi.

    Per le associazioni, nel genere spot, primo premio a “Gaiola – vent’anni di tutela” – Centro studi interdisciplinare, Gaiola Onlus / regia Martina Defina, per il genere corto ha vinto “Prefigurare il futuro” – Fondazione Patrizio Paoletti / regia Selene Di Domenicantonio. Le premiazioni della seconda sezione del Festival dedicata al Cinema, il 23 giugno, si sono svolte invece all’Auditorium La Porta del Parco di Bagnoli a Napoli.

    Alla presenza di tante autorità, sono stati premiati per il genere cortometraggi: Vesuvio D’oro a Francesco Maria Troiano – “For, Woman, Life, Freedoom”; Vesuvio D’argento a Rosario Errico per “Gli occhi dell’altro”; Premio Domus Aurea a Charlie Oz Ottaviani per “La voce della Terra e dell’Anima”. Per il genere docufilm, la terna vincitrice è stata: Vesuvio D’oro a Stefano Romano – Flegrea – Un futuro per Bagnoli; Vesuvio D’argento a Adelmo Togliani – “Parlami d’amore”, Premio Domus Aurea a Nando Morra – Il seme della Speranza. A ricevere il premio anche il vice sindaco del Comune di Napoli, Laura Lieto e il Sub Commissario per la bonifica di Bagnoli, Dino Falconio.

    Durante la serata sono stati assegnati anche molti riconoscimenti alla carriera: al conduttore Rai e presidente di giuria del Festival Gianni Ippoliti, all’attrice Lucia Cassini (testimonial del Festival quest’anno), al musicista Tony Cercola e all’attrice Carmen Pommella.

    La grande festa è continuata con l’intrattenimento della Scuola di Danza Ck street dance, diretta da Alfredo Ruffo e con le esibizioni dei cantanti Gipsy Fiorucci e Carlo Cuomo. Sarà possibile vedere i film vincitori del concorso dal 4 al 7 luglio alla Fondazione Mediterraneo.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE