Fiaccolata per Giulia Tramontano a Sant’Antimo, il toccante messaggio della famiglia

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Il nostro amore per Giulia e Thiago, eterno, smisurato e insaziabile, è la più ardente di tutte le fiaccolate in loro memoria. Nessun sentimento di odio potrà mai spegnere questo fuoco in cui ci struggiamo e riscaldiamo al contempo”.

È il messaggio della famiglia Tramontano, mamma Loredana e papà Franco, i fratelli Chiara e Mario, letto durante la fiaccolata che si è tenuta a Sant’Antimo in ricordo della 29enne uccisa a Senago, nel milanese.

“Purtroppo – dice la famiglia di Giulia – non possiamo essere presenti a questa fiaccolata in memoria della nostra cara Giulia e di Thiago. Vogliamo però far arrivare a tutti i presenti il nostro messaggio di ringraziamento per la vicinanza mostrata.

    L’affetto e il calore di tutti voi sono per noi fonte di grande supporto. Per noi Giulia è e sarà per sempre madre premurosa, amorevole sorella e figlia indimenticabile”.

    Erano in centinaia presenti alla fiaccolata in ricordo di Giulia Tramontano. Il corteo si e’ tenuto a Sant’Antimo, dove Giulia e’ nata e dove vivono i genitori. La fiaccolata e’ stata in bilico fino alla fine perche’ proprio questa mattina c’e’ stato un duplice omicidio per motivi sentimentali: un uomo ha ucciso il genero e la nuora perche’ sospettati di avere una relazione sentimentale.

    Alla fiaccolata, pero’, erano in tanti. Il corteo Ha preso il via dalla panchina rossa nella villa comunale Del Rio, poi in via Roma dove c’e’ stata la deposizione di un fascio di fiori al di fuori della casa dei genitori di Giulia. In testa al corteo uno striscione: “Basta, non possiamo far crescere uomini assassini”.

     “Abbiamo tutti il cuore pesante, e’ stata una settimana terribile. Quella foto di Giulia con il bimbo in grembo restera’ nella mente di tutti noi, e’ stata un’immagine straziante, una tragedia per la famiglia”, ha dichiarato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

    “Chiameremo il centro antiviolenza di Sant’Antimo LiberamenteDonna ‘centro Giulia Tramontano’. Il nome di Giulia sia un viatico perche’ tutte le donne capiscano che al primo campanello d’allarme bisogna denunciare”., ha annunciato il sindaco di Sant’Antimo, Massimo Buonanno.

    “Questi avvenimenti non devono più accadere”, spiega alla Dire il sindaco di Sant’Antimo  durante un corteo che ha ricordato la 29enne uccisa a Senago Giulia Tramontano. “Non sarà la fiaccolata di oggi – sottolinea – a far cambiare la cultura alle persone. Oggi diamo solo un segno di vicinanza a Giulia, a Thiago, alla famiglia. Lo facciamo con le istituzioni qui presenti, con la comunità Sant’Antimese che, unita, è scesa tutta in piazza, lo facciamo con la Regione Campania e con i sindaci di tutti i territori limitrofi che sono qui”.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui



    LEGGI ANCHE

    Tensione sull’A1: ultras del Lecce tentano agguato a tifosi Nocerina con bombe carta

    Ieri sera si è verificata una situazione di alta tensione presso l'area di servizio di Teano, nel tratto casertano dell'A1, a causa delle azioni di circa un centinaio di tifosi del Lecce. Armati di bastoni, hanno causato disturbi lanciando fumogeni e bombe carta in attesa dell'arrivo dei sostenitori della Nocerina, con i quali già durante la mattinata si erano verificati problemi. Secondo quanto ricostruito dalla Polizia di Stato della Questura di Caserta, pare che i...

    Nigeriano arrestato per spaccio a Porta Capuana

    La Polizia di Stato ha condotto un'operazione antidroga a Porta Capuana, che ha portato all'arresto di un individuo sorpreso a cedere droga. Gli agenti del Commissariato Vicaria-Mercato hanno agito dopo aver notato un soggetto prelevare qualcosa da un contenitore sotto una panchina e consegnarlo in cambio di denaro a un'altra persona. Le forze dell'ordine sono intervenute prontamente, arrestando sia l'acquirente, trovato in possesso della droga acquistata, sia il venditore, che aveva in suo possesso 3...

    Avellino, i Nas chiudono struttura socio assistenziale per anziani

    I carabinieri dei Nas, con la collaborazione dell'Asl di Avellino e del Consorzio dei servizi sociali di Atripalda, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo su una struttura socio-assistenziale nel comune di San Michele di Serino, in provincia di Avellino. La struttura, priva di autorizzazione all'esercizio, è stata chiusa a seguito di un'ordinanza emessa dal sindaco e di successive indagini dei Carabinieri del Nas. All'interno della struttura sono state riscontrate gravi irregolarità igienico-sanitarie e mancanza di...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE