LA SITUAZIONE

Diritti TV Serie A, partita aperta: prime offerte rifiutate, si ritirano Amazon e RAI

SULLO STESSO ARGOMENTO

La partita relativi ai diritti TV per il campionato di Serie A entra nel vivo. Nell’assemblea svoltasi nella sede milanese di via Rosellini, sono state aperte le buste relative alle prime offerte: tre i broadcaster in corsa, ovvero Sky Sport, Dazn e Mediaset, spinta dalla possibilità di trasmettere una partita in chiaro. Il grande assente è stato Amazon, dopo la trasmissione della Champions League per il triennio 2021-24 il colosso statunitense ha deciso di tirarsi indietro, così come la Rai. Ora inizierà la seconda fase del bando ‘Matrioska’, ovvero quello delle contrattazioni private.

“In esito alla fase di ricezione delle buste relative agli inviti a presentare offerte per i diritti audiovisivi per il campionato di Serie A (ciclo 2024/2029), la Lega Serie A comunica di aver ricevuto offerte per i diversi pacchetti da parte di 3 broadcaster. L’Assemblea della Lega Serie A – si legge nella nota diramata al termine della riunione -, come previsto dal bando e come già avvenuto per i passati cicli, ha deliberato all’unanimità di non accettare alcuna delle offerte e di dar corso a una fase di trattative private, che si terranno il prossimo 26 giugno”.

Non è escluso invece il canale della Lega Serie A, strumento che verrà valutato nel caso in cui le trattative private – al momento le prime offerte sono state rifiutate perché ritenute troppo basse -, non dovessero ottenere i risultati sperati. “Qualora tali trattative private non andassero a buon fine – prosegue la nota –, la Lega Serie A procederà, nell’assemblea del 27 giugno, all’apertura delle offerte ricevute da parte di 6 soggetti nell’ambito dell’invito a presentare proposte per la commercializzazione e distribuzione del canale Serie A, cui seguirà una fase di trattativa con gli stessi 6 soggetti. L’assemblea ha inoltre approvato, sempre all’unanimità, l’invito ad offrire per i diritti audiovisivi della Coppa Italia e della Supercoppa Italiana per il triennio 2024/2027″.

    L’obiettivo della Lega Serie A è quello di raggiungere la cifra di 1,2 miliardi di euro a stagione, aumentando di conseguenza anche la durata: dai tre anni, infatti, si passerà con molta probabilità a quattro o a cinque anni, in modo da avere un maggior ritorno economico dall’investimento. I lavori dell’assemblea si sono aperti oggi con un minuto di raccoglimento in favore di Silvio Berlusconi, su proposta del presidente Lorenzo Casini. L’ex presidente di Monza e Milan, scomparso lunedì 12 giugno all’età di 86 anni, è stato omaggiato dai presenti con un lungo applauso al termine del minuto di silenzio.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

    Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

    Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

    Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

    Angri, ladri al ristorante con ragazzi autistici, Gemma: “Atto vile verso i più deboli”

    "Un attacco vile ha colpito il ristorante solidale Raù di Angri, in provincia di Salerno. Sono vicina ai fondatori del laboratorio che si occupa...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE