IL FATTO

Controlli in fabbrica ad Aversa, fuggi fuggi dei dipendenti che si nascondono in bagno. Denunciato il titolare

SULLO STESSO ARGOMENTO

Quando è scattato il blitz c’è stato un fuggi-fuggi generale con i dipendenti che si sono nascosti anche nei magazzini e nei bagni: è successo durante i controlli che la Polizia Locale di Aversa (Caserta) ha effettuato in una fabbrica di scarpe nell’ambito del contrasto agli illeciti ambientali nella cosiddetta Terra dei Fuochi.

Gli agenti sono entrati in azione coadiuvati dall’Esercito Italiano (complesso Golf) e dall’Asl (Dipartimento di Prevenzione Unità Operativa Prevenzione sui luoghi di lavoro di Caserta – Ambito 2). Nella fabbrica è stata riscontrata la presenza di 12 dipendenti, sei dei quali lavoravano a nero. Uno è risultato essere anche percettore di reddito di cittadinanza ma i controlli sugli altri è ancora in corso.

Gli agenti della Polizia Locale, coordinati dal comandante, il colonnello Antonio Piricelli, hanno denunciato il legale rappresentante dell’azienda per sfruttamento del lavoro nero, mancata compilazione dei registri di carico e scarico e per inadempienze riguardanti la sicurezza sui luoghi di lavoro. Le sanzioni comminate si aggirano intorno ai seimila euro. Inoltre, avendo in servizio più del 20% del personale “a nero” gli atti saranno sottoposti all’ispettorato del Lavoro per una eventuale sospensione dell’attività.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Fuori venerdì 23 febbraio ‘Realness’, il nuovo singolo di Cecchy

Nuovo singolo di Cecchy "Realness" in uscita venerdì 23 febbraio "Cecchy continua a raccontare la complessa realtà del quartiere di Ponticelli con il suo...

Napoli, rapina un giovane e scappa: arrestato un 29enne

Nella notte appena trascorsa, gli agenti del Commissariato Vicaria- Mercato, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Cesare Rosaroll, sono...

Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE