Pontecagnano, tifoso picchiato per aver esposto una bandiera del Napoli? Il sindaco: “Delinquenti”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Il cittadino picchiato per aver esposto la bandiera del Napoli? È una cosa disdicevole e bisogna rimarcarla e sottolinearla senza alcuna titubanza, sono quelle classiche situazioni che fanno allontanare tutti dal calcio. Quello sfottò goliardico e sano viene allontanato da questi episodi di una gravità enorme.

Spero che le forze dell’ordine trovino i responsabili prima possibile, penso che riguarda sempre questi episodi di tifoserie ed ultras, ma questi sono delinquenti a tutti gli effetti che si nascondono dietro le bandiere e nulla hanno a che vedere con i tifosi che vanno allo stadio.

La stragrande maggioranza di tifosi salernitani sono brave persone, poi c’è una minoranza che fa queste cose. Queste cose vanno condannate sia sul piano politico che con le sanzioni tramite le forze dell’ordine.

    Ci sono molti tifosi del Napoli a Pontecagnano, già nelle scorse settimane ci sono stati episodi di persone che hanno citofonato a casa di altri chiedendo di togliere le bandiere.

    Questi episodi possono sembrare banali, ma non lo sono. Non si devono proprio permettere di prendersi la briga di fare queste cose. Sono episodi che non ci appartengono assolutamente.

    Non penso che abbiano nessun collegamento con le tifoserie, sono dei delinquenti a tutti gli effetti che utilizzano il tifo per dare delle risposte a loro stessi per i problemi che hanno”. Lo ha detto Giuseppe Lanzara, sindaco di Pontecagnano nel corso  della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma, su radio Crc



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE