Napoli, da giugno raccolta differenziata anche nella VI Municipalità

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dal prossimo mese di giugno la raccolta differenziata domiciliare a Napoli si allargherà anche alla VI Municipalità cittina coinvolgendo, così, i quartieri di Ponticelli, Barra e San Giovanni a Teduccio. Parliamo di circa 95mila cittadini che dal 12 giugno potranno dare il proprio contributo alla differenziata aggiungendosi ai circa 20mila che, nelle stesse zone, già sono impegnate nella raccolta.

La percentuale della popolazione di Napoli coinvolta da Asia nel porta a porta balzerà, quindi, dall’attuale 55 al 64%. Il nuovo progetto dell’Asia è realizzato con il supporto di Conai, il Consorzio Nazionale Imballaggi, di Comieco, il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, e di Coreve, il Consorzio Recupero Vetro.

Aspettando il 12 giugno è partita oggi la campagna informativa nei condomini della zona per, spiegano da Asia, “preparare i cittadini alla partecipazione e all’impegno cui sono chiamati per contribuire all’economia circolare e alla cura dell’ambiente”.

    “Un forte passo avanti – spiega Domenico Ruggiero, amministratore di Asia – in un lavoro impegnativo che facciamo per migliorare sempre di più il servizio per i cittadini e realizzare il ciclo industriale fondato sull’economia circolare partendo dalla differenziata.

    Il piano industriale di Asia prevede una quota sempre crescente di attivazione di questa raccolta e avremo necessità di mezzi e personale che affiancheranno la popolazione per raggiungere gli obbiettivi fissati. Fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge, ma uno stile di vita e la nostra azienda farà il possibile affinché questo nuovo corso di trasformazione cittadina sia fatto dando dei servizi innovativi e con la possibilità di avere la certezza dei risultati per ogni singolo cittadino che la effettua.

    La diffusione della differenziata è elemento fondamentale della nostra strategia aziendale per porre la nostra città al riparo da ogni emergenza, per migliorare la qualità dell’ambiente, tutelare la salute collettiva e agevolare la vita di ogni cittadino”.

    “Il dato della raccolta differenziata in città è in una fase di progressiva, ma costante, crescita – sottolinea l’assessore comunale all’Ambiente Vincenzo Santagada – anche grazie alle iniziative di incremento della raccolta dell’umido concentrato soprattutto nella zona occidentale. Seguendo la strategia indicata dal sindaco Manfredi, il progetto che coinvolge la Municipalità VI verrà esteso gradualmente su tutto il territorio della municipalità da giugno sino a novembre con l’obiettivo di raggiungere il 60% di raccolta differenziata.

    Parallelamente al progetto della VI Municipalità si stanno sviluppando iniziative di comunicazione e di sviluppo della differenziata in tutte le altre zone della città. Con l’assunzione di nuovi 100 autisti, Asia potrà poi ulteriormente incrementare i servizi di raccolta differenziata dedicati delle campane stradali. Siamo attualmente oltre il 39.5%”.

    “Il supporto ai Comuni del Mezzogiorno che vogliono migliorare i loro risultati nella gestione dei rifiuti e nella differenziata – commenta Fabio Costarella, responsabile Conai per il Centro-Sud – è da sempre parte dei compiti istituzionali del Consorzio. E sul territorio, dove c’è una volontà politica chiara, ottimi risultati in questo campo si possono ottenere anche in poco tempo.

    Siamo felici di essere parte di questo nuovo progetto che coinvolge la città di NAPOLI, insieme ai sette Consorzi di filiera del sistema Conai. Il Paese ha di fronte obiettivi di recupero e riciclo degli imballaggi sempre più sfidanti, che richiedono un impegno comune e condiviso. E in quest’ottica siamo certi che i risultati di questo lavoro saranno soddisfacenti”.

    Tre sono le distinte strategie, studiate dai tecnici Asia per la parte orientale di Napoli, che verranno applicate, adattandosi alla costituzione variegata del territorio. Il Modello A è quello delle isole condominiali, in cui in supercondomini (i cosiddetti parchi privati) di abitazioni o piccoli rioni ci sarà l’allocazione di postazioni centralizzate con grandi contenitori. Questo sistema di raccolta differenziata che coprirà circa il 26% della popolazione della VI Municipalità.

    Il Modello B sarà invece applicato alle zone al più complicate da raggiungere e di alta densità abitativa, settori che comprendono l’8% della popolazione della Municipalità e che saranno raggiunti in giorni e orari prestabiliti da mezzi dell’Asia a cui gli utenti potranno portare la propria raccolta differenziata.

    Il modello più diffuso è invece il “porta a porta” che al 66% della popolazione della VI Municipalità porta la raccolta domiciliare con contenitori per umido e vetro e a sacco per le altre frazioni.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Geolier alla Federico II, il rettore: ‘Non ci interessano le polemiche’

    Il rettore Matteo Lorito precisa: "Non lo abbiamo invitato per dargli un premio o per fargli tenere una lezione ma per confrontarsi con tanti...

    ‘Il sistema idraulico ipogeo del Foro Civile’: la conferenza a Pompei il 23 febbraio

    L’Associazione Internazionale ‘Amici di Pompei’ ETS ospita la conferenza sul sottosuolo di Pompei di Daniele De Simone e Graziano Ferrari dell’Associazione Cocceius. Il sistema idraulico...

    Napoli-Barcellona, corse extra metropolitana dopo la partita

    Dopo la partita di calcio Napoli-Barcellona, sono previste corse straordinarie della Linea 2 della metropolitana. Il match di andata degli ottavi di finale di Champions...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE