Napoli, raccolgono funghi nei giardini del Monaldi, li cucinano: donna muore, 3 parenti gravi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Hanno raccolto funghi nei giardini dell’ospedale Monaldi a Napoli. Li hanno cucinati e poi mangiati. Ma poco dopo crampi allo stomaco, dolori lancinanti. Cosi’ in cinque, componenti di una famiglia, sono arrivati in codice rosso all’ospedale Cardarelli.

Una donna di 92 anni e’ morta, e altri quattro suoi parenti sono ricoverati per una grave intossicazione. L’Asl Napoli 1 ha disposto l’invio di ispettori che dovrà verificare cosa è accaduto e nel frattempo sono posti dei cartelli di divieto di raccolta dei funghi incriminati.

Due sono in terapia intensiva. Altri due sono in condizioni che non destano preoccupazione. Tutti e cinque sono appartenenti ad un unico nucleo familiare. Uno di essi – così è stato riferito ai sanitari che li hanno presi in cura – si è recato nella giornata di venerdì nell’area alle spalle dell’ospedale ‘Monaldi’ di Napoli (che si trova sulla collina dei Camaldoli, dove ci sono faggi, castagni e pini mediterranei) e ha raccolto dei funghi.



    Sarebbero spuntati dopo le pioggie abbondanti dei giorni scorsi. Funghi che all’apparenza sembravano dei chiodini e che avrebbero consumato nella giornata di ieri. Nella notte però si sono sentiti male. Per l’anziana non c’è stato nulla da fare: per gli altri quattro è scattato il ricovero in ospedale.

    I quattro ricoverati sono stati sottoposti a tutte le analisi. E nel frattempo si sta verificando se altre persone abbiano raccolto i funghi rilevatisi poi velenosi. Il direttore generale dell’Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva, in una nota invita a non consumare funghi raccolti senza prima averli fatti esaminare dall’Unita’ Operativa igiene alimentare del Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    LEGGI ANCHE

    Camorra a Genova, chiesti 16 anni di carcere per il figlio del boss latitante Cinquegranella e soci

    Il pubblico ministero Federico Manotti ha chiesto condanne per oltre 14 anni per le sei persone coinvolte nell'inchiesta sulla gestione del bar Libeccio, sul lungomare di Pegli a Genova. L'accusa iniziale contestava l'aggravante di aver favorito la camorra, poi decaduta. A fine ottobre Angelo Russo è stato arrestato (richiesti 5 anni), mentre Mario Russo (2 anni e 10 giorni), Francesco Cinquegranella (3 anni e 4 mesi), è il figlio del boss latitante da oltre venti anni,...

    Furto in canonica a Battipaglia: sacerdote picchiato dai ladri

    Nella serata di ieri, quattro malviventi hanno svaligiato la cassaforte della casa canonica della chiesa di San Gregorio VII a Battipaglia, in provincia di Salerno. I ladri hanno forzato la cassaforte con un flex o un piede di porco, rubando il denaro della parrocchia. Il parroco e il viceparroco, svegliati dai rumori, hanno tentato di entrare nello studio, ma la porta era bloccata dall'interno. Sono riusciti ad accedere da un'altra stanza, dove hanno incrociato i ladri con...

    Francesco Moser testimonial della IX giornata dell’udito

    Francesco Moser è stato il testimonial d'eccezione della IX Giornata dell'Udito, ospitata nella sala della Regina della Camera dei Deputati. Il ciclista italiano più vincente di sempre, 273 le vittorie ottenute da professionista, ha voluto portare il proprio contributo in occasione della celebrazione del World Hearing Day, il più grande evento di sensibilizzazione globale sul tema della salute uditiva organizzato ogni anno il 3 marzo dall'OMS. "Da ex atleta- ha spiegato Moser- posso dire che...

    Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

    Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

    Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

    Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE