Caserta, gara per la gestione in concessione della struttura di corso Giannone

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Comune di Caserta, con una determina firmata il 17 maggio dal Dirigente del Settore Patrimonio, Luigi Vitelli, ha indetto la procedura di gara per l’affidamento in concessione del servizio di gestione della piscina comunale “F. Dennerlein” di Corso Giannone.
L’affidamento prevede che la durata della concessione sia di nove anni e il bando verrà gestito con mezzi di comunicazione elettronici mediante la piattaforma Net4-market, raggiungibile al link: https://app.albofornitori.it/alboeproc/albo_comunecaserta . Le offerte
potranno essere presentate entro trenta giorni dalla pubblicazione del bando, vista la necessità di concludere rapidamente la procedura, al fine di rendere fruibile la struttura in tempi brevi.

La procedura arriva a seguito di una delibera della Giunta Comunale che aveva dato mandato al Dirigente del Settore Patrimonio di affidare la gestione della piscina comunale e di ripristinare la funzionalità dei luoghi, dopo la sentenza del TAR Campania del 14
febbraio scorso, con la quale era stato respinto il ricorso della società affidataria, l’Associazione Sportiva Dilettantistica (ASD) Assonuoto Club Caserta, contro la revoca del contratto di gestione e la successiva ordinanza di sgombero predisposta dalla Polizia
Municipale di Caserta. Una volta dato corso allo sgombero, gli uffici comunali hanno lavorato per indire la procedura di gara.

La situazione di criticità ha le sue origini nel 2016. Nel marzo di quell’anno, infatti, interviene un provvedimento di revoca dell’affidamento da parte di un dirigente comunale, a causa dell’inadempienza contrattuale di Assonuoto, che risulta inottemperante nei
pagamenti. Nell’ottobre del 2016 il TAR Campania respinge per la prima volta il ricorso dell’Associazione sportiva, confermando la revoca. In quella fase, l’Amministrazione Comunale tenta anche a più riprese di predisporre un piano di rientro, che consenta ad Assonuoto di regolarizzare gradualmente la propria posizione debitoria. Tuttavia, ogni tentativo risulta vano, la società continua a non versare i canoni dovuti, arrivando ad accumulare un debito considerevole nei confronti dell’Amministrazione Comunale. Nel frattempo, l’iter giudiziario va avanti e la giustizia amministrativa dà ragione in ogni occasione al Comune di Caserta, confermando la legittimità della revoca. L’ultimo atto avviene proprio il 14 febbraio con la sentenza del TAR Campania.

    “Finalmente – ha spiegato l’Assessora al Patrimonio, Annamaria Sadutto – chiudiamo un iter complesso e risolviamo una questione molto importante per la città di Caserta.
    Abbiamo sciolto un nodo che si trascinava da molti anni, sanando una situazione incresciosa che tanti danni ha provocato al Comune di Caserta. Con questa procedura affideremo il servizio di gestione della piscina in maniera chiara e trasparente e assicuriamo ai casertani la fruizione di un servizio di ottimo livello. Lo sport ricopre un ruolo di primissimo piano per la nostra città: per questo ci siamo impegnati al massimo per ottenere un risultato importante per l’intera comunità”.

    LEGGI ANCHE

    Rapinatore picchiato da commerciante e clienti

    Impazza sui social questo video di una rapina “finita male”. Entra in una ricevitoria armato di pistola e con il volto parzialmente nascosto da un...

    Choc in piazza Carità: 3 minorenni molestate in una sala snack: “Vi do 20 euro se mi fate toccare i piedi”

    Domenica sera un inquietante episodio è avvenuto a Napoli, a Piazza Carità. Mentre tre ragazzine, sugli 11 anni, erano intente a prendere bibite e snack...

    Camorra, stangata ai clan di Pianura: 160 anni di carcere

    Il processo al clan camorristico Esposito-Marsicano-Calone, attivo nel quartiere Pianura, nella zona occidentale di Napoli, si è concluso con condanne pesanti per oltre 160...

    IN PRIMO PIANO