Cade e batte testa, muore agente penitenziaria di Caserta

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un'agente della polizia penitenziaria di , , in servizio nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, è morta questa mattina, mentre si trovava nella Scuola di Formazione e Aggiornamento ‘Giovanni Falcone' a , per partecipare alla sfilata della festa della Repubblica del 2 giugno.

Da una prima ricostruzione dei fatti, come comunicato dal sindacato Uspp, l'agente, che era nel contingente che venerdì parteciperà alla sfilata ai fori imperiali, dopo aver fatto colazione avrebbe avuto un malore nella sua stanza e cadendo a terra avrebbe battuto la testa.

Il pronto intervento e il successivo trasporto in ospedale dove sembra sia stata immediatamente operata non hanno impedito il decesso della stessa. Lascia un figlio di 10 anni e il marito.

    “Con grande sgomento apprendiamo che stamani è deceduta un'assistente di polizia penitenziaria in servizio nel carcere casertano di Santa Maria Capua Vetere, mentre si trovava nella Scuola di Formazione e Aggiornamento ‘Giovanni Falcone' a Roma, per partecipare alla sfilata della festa della Repubblica del 2 giugno”.

    Lo rende noto un comunicato del sindacato di Polizia Penitenziaria Uspp. “Da quanto si apprende dalle prime notizie trapelate, – continua la nota a firma del presidente dell'Uspp Giuseppe Moretti – l'appartenente al Corpo stamattina che era nel contingente che venerdì parteciperà alla sfilata ai fori imperiali, dopo aver fatto colazione ha avuto un malore nella sua stanza e cadendo a terra ha battuto la testa”.

    “Il pronto intervento e il successivo trasporto in ospedale dove sembra sia stata immediatamente operata non hanno impedito il decesso. Alla famiglia il nostro cordoglio e la nostra umana vicinanza per un fatto gravissimo che colpisce per la giovane età della poliziotta penitenziaria originaria di Casaluce  che lascia un figlio di 10 anni e il marito”, si legge ancora nel comunicato del sindacato.

    “Tutto il personale di polizia penitenziaria – conclude Ciro Auricchio, segretario regionale per la Campania dell'Uspp – ricorda la collega oltre che per le sue altissime doti umane anche per le sue spiccate qualità professionali e l'elevato senso del dovere”.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    telegram

    Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pitbull di famiglia

    Un'immane tragedia ha colpito la comunità di Palazzolo Vercellese. Un bambino di soli cinque mesi è morto dopo essere stato azzannato da un cane di grossa taglia, un pitbull, all'interno della sua abitazione. I soccorsi sono stati immediati, ma purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare. Il...

    L’allarme di Arcigay: 149 casi di violenza o discriminazione nell’ultimo anno

    Nell'ultimo anno sono stati registrati 149 casi di violenze o discriminazioni ai danni di persone LGBTQI+, con una media di uno ogni due giorni. L'allarme e i dati sono forniti da Arcigay, che tiene il conto degli articoli di stampa e, in occasione della giornata internazionale contro l'omofobia, la...

    IN PRIMO PIANO