LA FAIDA DI ACERRA

Camorra, omicidio del boss Pasquale Tortora: 3 arresti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Altri tre arresti per l’omicidio di Pasquale Tortora, avvenuto il 20 maggio 2020 ad Acerra, nel napoletano.

Dopo aver individuato esecutori materiali e mandanti dell’assassinio, i carabinieri hanno arrestato questa mattina Antonio Annunziata, 37 anni, Vincenzo Bastelli, 35 anni, entrambi di Napoli, e Gennaro Pacilio, 56enne di Acerra: avrebbero preso parte alle fasi organizzative dell’uccisione di Tortora, in particolare curando l’approvvigionamento e la preparazione delle armi e dei telefoni cellulari utilizzati durante l’agguato.

Nei loro confronti i militari del nucleo investigativo del gruppo di Castello di Cisterna, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla procura di Napoli – Direzione distrettuale Antimafia, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.



     I mandanti sono i fratelli Bruno e Giancarlo Avventurato

    Sono accusati, a vario titolo, del reato di omicidio volontario in concorso, aggravato dalle modalità e finalità mafiose. I mandanti dell’omicidio di Pasquale Tortora sarebbero i fratelli Bruno e Giancarlo Avventurato, esponenti di spicco della criminalità organizzata acerrana, già arrestati per aver commissionato il delitto con l’obiettivo di vendicare la morte di Giuseppe, loro fratello, ucciso, nel dicembre del 2019, nel corso di una contrapposizione di clan per il controllo del territorio.

    Le attività d’indagine hanno fatto emergere le condotte di Annunziata e Bastelli che, su ordine di Cosimo Nicolì (anch’egli già arrestato), dopo la commissione dell’agguato, si erano occupati del sostentamento economico dei due killer (Alessio Galdiero e Angelo Di Palma), sino al loro arresto, mentre Pacilio, oltre a fornire l’arma del delitto, avrebbe partecipato alle fasi del sopralluogo antecedenti all’omicidio.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Teatro Bolivar: per la rassegna ‘Piccole storie di eroi’, in scena ‘Pierrot Napoliter’

    Continua, con il terzo dei quattro spettacoli, la rassegna #Familyhero, a cura di Martina Zaccaro, pensata per tutta la famiglia. Il Teatro Bolivar, via Bartolomeo Caracciolo 30, diretto da Nu’Tracks, ospiterà sabato 2 marzo alle ore 17.00 la rassegna teatrale "Piccole storie di eroi" a cura di Martina Zaccaro. Lo spettacolo offerto dalla Compagnia Poster - Popolare d’Avanguardia, intitolato "Pierrot Napoliter", è parte del programma educativo per le famiglie denominato "FamilyHero". Tratto liberamente dal celebre film...

    Qualiano, 15enne in giro con tirapugni, coltello e proiettile

    Un 15enne di Qualiano è stato denunciato per il possesso di armi dopo essere stato fermato dai carabinieri in sella a uno scooter senza assicurazione. Durante un controllo alla circolazione, i militari hanno scoperto un tirapugni, un coltello a scatto di 21 centimetri e 49 cartucce a salve nascoste nel sottosella del veicolo. Il giovane, che era in compagnia di un amico,  è stato trovato particolarmente nervoso al momento dell'arresto. Il materiale è stato sequestrato insieme allo...

    Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a raggiungere i tuoi obiettivi. È il momento ideale per mettere in pratica le tue idee e per concentrarti sulle tue passioni. Toro: potresti sentirti un po' confuso riguardo alle tue priorità e ai tuoi obiettivi. È importante prenderti del tempo per riflettere e per capire cosa è veramente importante per te. Gemelli: oggi potresti essere...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE