Agente salva donna e poi la sceglie come madrina per la figlia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Con un collega aveva salvato una donna coinvolta in un incidente sul tratto umbro dell’Autosole e dopo qualche mese Fabrizio Binnella, agente della polizia stradale in servizio a Orvieto l’ha voluta come madrina per il battesimo della figlia.

La storia è emersa nel corso della festa della polizia celebrata a Terni. L’incidente era avvenuto fra Orvieto e Fabro nell’agosto del 2018. La donna, Esther Ponsillo, 40 anni di Caiazzo (Caserta), si era stata salvata grazie al coraggio di due agenti mentre erano morti il marito Michele Melillo, all’epoca di 33 anni, e il figlio Marcello, nove.

Con il passare era quindi nata una solida e profonda amicizia con suoi i soccorritori, in particolare con l’agente Binnella, originario di Otricoli (Terni), premiato insieme al collega Guido Bomarsi di Orvieto con una promozione per meriti straordinari.

    “Eravamo giunti sul posto per un incidente – ricorda Binnella – ed avevamo trovato l’auto di questa famiglia incastrata sotto un mezzo pesante. In quel momento iniziavano a sprigionarsi le prime fiamme e siamo accorsi, estraendo la donna dall’abitacolo e mettendola al sicuro. Purtroppo per il marito e il figlio non c’era stato nulla da fare”.

    Binnella ed Esther Ponsillo si erano quindi incrociati in ambulanza. “Lei era ferita ma non grave. Io avevo ustioni alle mani. I nostri sguardi si sono incrociati: non abbiamo pronunciato una parola ma in quel momento è stato come se ci fossimo detti tutto” racconta ancora l’agente. Qualche mese dopo la donna ha contattato la sottosezione della stradale di Orvieto, guidata dal comandante Stefano Spagnoli, per conoscere i suoi “angeli”.

    “Siamo andati a trovarla a Caiazzo – prosegue Binnella – io, il collega Bomarsi e la mia compagna. E’ nata un’amicizia profonda e nell’agosto del 2020 l’ho voluta come madrina al battesimo di mia figlia”. Il questore di Terni, Bruno Failla, in occasione della premiazione ha sottolineato il “grande impulso morale ed emotivo che questa storia porta con sé”.

    “Esempio – l’ha definita – di come lo spirito di servizio delle donne e degli uomini della polizia di Stato porti spesso e volentieri ad andare oltre. A fare cose eccezionali nella normalità”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE