Camorra, latitante Gennaro Manetta “Maradona”: il politico del clan Contini

Napoli. E' irreperibile, e quindi latitante, da ieri mattina...

Napoli, il 18enne ucciso per banale lite e forse estraneo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Francesco Pio avrebbe compiuto 19 anni a settembre. Un ragazzo incensurato che faceva il rider e sognava di aprire una pizzeria tutta sua. E’ morto a Napoli alle 2.20 di questa mattina, secondo le forze dell’ordine, da innocente.

PUBBLICITA

La prima pista battua nelle indagini portava a una esecuzione di stampo camorristico, perche’ Francesco Pio Maimone, aveva conoscenze e frequentazioni nel quartiere napoletano di Pianura, a Napoli, dove e’ in corso una feroce faida di camorra, e il padre ha precedenti. Inoltre, proprio il 12 marzo scorso era stato ferito Antonio Gaetano, del clan Calone di Pianura, a pochi metri da dove ieri notte e’ stato ferito Francesco Pio.

La sezione omicidi della Squadra Mobile ha sentito testimoni che hanno raccontato che il ragazzo non solo non conosceva chi ha fatto fuoco, ma addirittura non avrebbe partecipato alla rissa. Ed emergono retroscena su quanto, invece, avrebbe invece provocato la rissa al chiosco ‘da Sasa” a Mergellina. Una macchia su una scarpa. Un motivo banale che ha generato prima la scazzottata, proseguita per alcuni minuti e poi la sparatoria. Il killer avrebbe fatto fuoco piu’ volte, nel mucchio, e un proiettile avrebbe raggiunto Francesco Pio al petto.


CLICCA QUI PER VEDERE ALTRI VIDEO

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE