Incendio a Sarno: avviato il monitoraggio ambientale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Arpac, Azienda regionale di protezione ambientale della Campania, è intervenuta, di concerto con i Vigili del fuoco, sul luogo dell’incendio che intorno alle 16 di ieri è divampato in un’azienda di recupero di rottami ferrosi in area Pip a Sarno.

L’incendio si è sviluppato in un’area di stoccaggio e ha coinvolto rifiuti metallici in cumuli. L’area interessata dall’evento è apparsa pavimentata in battuto di cemento industriale ed è servita da un sistema di raccolta delle acque che le convoglia per la sedimentazione/disoleazione e, successivamente, in un depuratore chimico fisico che scarica in fogna bianca.

A scopo cautelativo, i tecnici del dipartimento Arpac di Salerno hanno chiesto il contenimento in sito delle acque di spegnimento, attraverso l’occlusione della tubazione di scarico.

    L’Agenzia ha avviato il monitoraggio della qualità dell’aria nella zona interessata dall’evento, con due dispositivi, uno per la determinazione di polveri sottili e metalli pesanti, l’altro per la determinazione delle diossine e dei furani. Subito dopo l’incendio sul posto si sono recati i Vigili del Fuoco ed i Vigili Urbani ed è stato allertato l’ufficio di Protezione Civile del Comune.

    Il sindaco, Giuseppe Canfora, e l’assessore alla Protezione civile, Roberto Robustelli, hanno invitato “i residenti della zona e tutti i cittadini a non avvicinarsi al luogo dell’incendio per evitare di intralciare le operazioni nonché e soprattutto possibili esalazioni di fumo; per tale motivo si invitano gli occupanti di abitazioni ed uffici che si trovino in prossimità dell’incendio a tenere le finestre accuratamente chiuse”.

    Inoltre, un invito “ai responsabili dell’Ospedale Martiri Villa Malta di Sarno a chiudere le finestre per evitare le esalazioni di fumo”. 



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE