Capua, fogne con scarico diretto nel fiume Volturno, assolto l’ex sindaco Carmine Antropoli

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha assolto l’ex sindaco di Capua Carmine Antropoli dall’accusa di disastro ambientale in relazione agli scarichi di acque reflue nel fiume Volturno.

All’ex primo cittadino, noto medico primario dell’ospedale Cardarelli di Napoli, la Procura contestava la carente manutenzione degli impianti di sollevamento e depurazione delle acque fognarie, che a causa del malfunzionamento degli impianti sarebbero finite direttamente nel fiume, inquinandolo.

Antropoli è stato assolto al termine del rito abbreviato per “non aver commesso il fatto”, mentre sono a processo con il rito ordinario, davanti al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, l’altro ex sindaco di Capua Eduardo Centore, il dirigente Francesco Greco ed Eleonora Castri, titolare della società che era affidataria degli impianti di sollevamento a servizio della rete fognaria.

    Dalle analisi effettuate dall’Arpac, con i prelievi in prossimità dei due maggiori impianti di sollevamento asserviti alla rete fognaria di Capua (borgo Santella e via Giardini), erano emerse elevate concentrazioni del batterio escherichia coli e dei tensioattivi totali di azoto ammoniacale e ossigeno, chiaramente legati alla presenza nelle acque di sostanze organiche provenienti dalle fogne cittadine, senza alcun trattamento di depurazione.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    LEGGI ANCHE

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE