Vendeva biglietti falsi per le partite del Lecce, indagato 22enne

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Guardia di Finanza di Lecce, nell’ambito dei servizi di contrasto al fenomeno del bagarinaggio anche digitale, ha scoperto numerose irregolarità su alcuni biglietti per assistere alle partite di calcio del Lecce giocate in casa.

Vendeva biglietti clonati per le partite del Lecce, indagato

In occasione della partita Lecce-Inter i militari hanno constatato l’impossibilità di alcuni spettatori di accedere allo stadio in quanto, al momento della vidimazione del biglietto, il lettore ottico non consentiva l’ingresso.

Le indagini condotte con la collaborazione della società sportiva e Vivaticket, che fornisce il software di biglietteria elettronica per i principali eventi sportivi, hanno consentito di scoprire anomalie sui codici QR impressi sui ticket cartacei.

    Si è risaliti al presunto responsabile, un giovane leccese di 22 anni, esperto di informatica che attraverso nomi falsi e un account di posta elettronica riusciva a stabilire contatti sulla piattaforma Marketplace di Facebook con i potenziali acquirenti per la compravendita di biglietti clonati.

    Il sistema di pagamento avveniva attraverso mezzi non tracciabili come l’emissione di buoni regalo non nominativi emessi sulla piattaforma Amazon. Al termine della transazione, l’account Facebook del venditore veniva di volta in volta disattivato.

    Sono 23 gli episodi di truffa accertati in questa stagione

    Sono 23 gli episodi di truffa e falsificazione accertati nella stagione calcistica 2022-2023, relativi in particolare ai più importanti eventi disputati in casa contro Inter, Milan e Juventus.

    Gli acquirenti truffati erano tifosi che si assicuravano i biglietti attraverso canali di vendita non ufficiale. Al giovane, che è stato denunciato, sono stati sequestrati il computer e tutti i dispositivi informatici.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

    La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE