Napoli, i percettori del reddito di cittadinanza a Secondigliano diventano “portieri di quartiere”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Secondigliano è il primo quartiere di NAPOLI con un servizio di portierato pubblico e gratuito che consentirà ad alcuni percettori del reddito di cittadinanza di prestare la loro opera al servizio della comunità. Attraverso gli spazi del Larsec e dell’Ancr (associazione dei reduci ed ex combattenti), da qualche settimana in piazza Luigi Di Nocera è possibile usufruire di una serie di servizi gratuiti come ricezione pacchi e corrispondenza, deposito chiavi, custodia temporanea di piccoli oggetti, una bacheca esterna in cui inserire annunci di domanda e offerta di prestazioni e un angolo dedicato al prestito e alla lettura gratuita dei libri.

Inoltre il “portiere di quartiere” si occuperà della pulizia straordinaria della piazza, un tempo centro nevralgico di Secondigliano. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 17 ed è reso possibile grazie alla convenzione firmata tra l’associazione Larsec, l’ente di formazione Eitd e il Comune di NAPOLI.

I percettori infatti fanno parte del progetto Itia, finanziato dal Fse, e svolgono un tirocinio di nove mesi retribuito con 500 euro al mese.”E’ un piccolo progetto ma molto significativo – ha detto il sindaco di NAPOLI Gaetano Manfredi – che mette insieme tante belle idee: il recupero di un territorio importante come Secondigliano che merita grande attenzione e a cui ci dedicheremo molto nei prossimi mesi, persone che vengono recuperate per dare un contributo alla comunità facendo anche in modo che ci sia un servizio sociale legato ai percettori del reddito di cittadinanza.



    E dunque ci sono tanti messaggi positivi. E’ un esperimento che vogliamo replicare anche in altri luoghi per fare in modo che servizio pubblico, recupero, inclusione, valorizzazione delle persone e cooperazione con le associazioni diventino una leva di rinascita e ripartenza per la città”.L’assessore al Lavoro Chiara Marciani aggiunge: “Abbiamo voluto realizzare un progetto innovativo e sperimentale attraverso un tirocinio con finanziamento europeo che consente, a persone estremamente svantaggiate, questa opportunità per nove mesi con una retribuzione di 500 euro.

    In molti casi sono percettori di reddito o persone in difficoltà o anche disabili. Saranno tirocinanti un po’ più adulti, rispetto a quelli tradizionali che faranno pulizia della piazza o piccole attività a sostegno delle famiglie, servizi che in genere un portiere fa in un palazzo e che loro invece metteranno a disposizione di tutto il quartiere”.


    Torna alla Home

    1 commento

    1. Ottima iniziativa fare servizi per la comunità di Secondigliano abbiamo bisogno di questi servizi specialmente a persone anziani che in questo quartiere sono abbondonati ringrazio anticipatamente il sig sindaco di Napoli e l, assessore che sicuramente vigilerà per questa iniziativa

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Una sentenza storica della Corte di Cassazione ha condannato l'Ospedale Piemonte e Regina Margherita di Messina al risarcimento di oltre un milione di euro ai familiari di un paziente deceduto a causa di epatite C contratta dopo una trasfusione di sangue infetto. Il paziente, sottoposto a un intervento chirurgico di...
    In una lettera aperta pubblicata sull'account Instagram della Curva Sud Milano, Luca Lucci, capo degli ultras rossoneri, ha espresso il desiderio di cambiamento alla guida tecnica del Milan. Lucci inizia la sua lettera ricordando i meriti dell'attuale allenatore, riconoscendogli il merito di aver vinto uno degli scudetti più significativi...
    Un tentato femminicidio si è verificato ieri pomeriggio lungo la strada statale 126 a Carbonia nei confronti di una donna di 45 anni. Mentre era al telefono con le forze dell'ordine, l'uomo da lei precedentemente denunciato per stalking e minacce l'ha seguita per le strade della città e ha cercato...
    La storia raccontata da una studentessa del Liceo Scientifico Filolao di Crotone parla della sua storia

    IN PRIMO PIANO