🔴 ULTIME NOTIZIE :

Rapina nella villa De Cecco, moglie e figlia chiuse in cucina

Rapina, ieri sera, nella villa di Saturnino De Cecco, della nota famiglia proprietaria del pastificio […]

    Rapina, ieri sera, nella villa di Saturnino De Cecco, della nota famiglia proprietaria del pastificio conosciuto in tutto il mondo.

    In azione quattro o cinque malviventi con il volto travisato e probabilmente armati che, entrati nell’abitazione, nella zona collinare di Montesilvano, hanno chiuso moglie e figlia dell’imprenditore in cucina ed hanno costretto l’uomo ad aprire la cassaforte, per poi impossessarsi di gioielli e orologi di pregio.

    I rapinatori sono poi fuggiti con il bottino. I malviventi, secondo le testimonianze, sarebbero stranieri. Indagini in corso da parte dei Carabinieri.

    Saturnino De Cecco si era dimesso dall’azienda all’inizio del 2020 nella qualità di vicepresidente pur rimanendo tra gli azionisti di riferimento della De Cecco, terza azienda al mondo produttrice di pasta con un fatturato 2021 di oltre 500 mln di euro, due stabilimenti in Abruzzo (Ortona e Fara S.Martino) e sei sedi commerciali nel mondo.

    In passato era stato anche AD con gli altri cugini della famiglia. Attualmente a lui fa capo la OverFly, una azienda di elicotteri executive attiva da oltre dieci anni, e lui stesso pilota i mezzi: la OverFly, che ha sette elicotteri, gestisce viaggi e trasferimenti con sede a Pescara.

    Saturnino De Cecco: “E’ stato un momento drammatico”

    “Un momento traumatico. Quando ti entrano in casa e ti sequestrano la famiglia è grave. Bisogna mantenere la calma, seguire le indicazioni ed essere il più accondiscendente possibile. Che è quello che poi ho fatto. Sono stato molto calmo e per fortuna è andata bene”.

    Così Saturnino De Cecco, uscendo dal Comando dei Carabinieri di Montesilvano insieme alla moglie Sheila D’Isidori, racconta ai cronisti gli istanti della rapina in villa di “quasi 40 minuti” di cui è stato vittima ieri sera, insieme alla sua famiglia.

    “Abbiamo avuto la fortuna che quando la situazione stava precipitando è scattato l’allarme – dice la donna – Si sono spaventati e sono scappati. Ma non era quella l’intenzione. Sarebbero rimasti ancora. Avevano già preso tutto, ma volevano e chiedevano altro”.

    “Pensavano di trovare di più – riprende l’imprenditore – ma io gli avevo dato qualsiasi cosa. Si cerca di salvaguardare la famiglia. Il mio obiettivo più importante era quello. Siamo stati fortunati, perché era partita molto male.

    Erano armati di coltello

    Erano armati di coltello. Minacciavano di avere delle pistole, ma non le abbiamo viste. Quando qualcosa non gli piaceva mi colpivano”, racconta ancora De Cecco, che riferisce di essere stato colpito al volto, precisando di non aver capito se con degli oggetti o a mani nude.

    google news

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Battipaglia, sequestrati beni per 1.5 milioni

    La Guardia di Finanza di SALERNO ha eseguito il sequestro di otto unità immobiliari nei Comuni di Battipaglia, Capaccio-Paestum, Eboli e SALERNO, nonché tre...

    Rafaela Pimenta: “Haaland? Oggi vale 1 miliardo di euro”

    "Per me Haaland vale un miliardo di euro. Probabilmente mai nessuno pagherà quella cifra ma se consideriamo il suo impatto in termini di tifosi,...

    Tumori, metà delle morti sono evitabili: ecco 9 regole salva-vita

    Molti tumori sono evitabili, e comunque molti decessi correlati, facendo attenzione agli stili di vita. Lo ricorda il ministero della Salute, in un contributo pubblicato...

     Messina Denaro: ‘Su di me vengono raccontate balle’ . Per lui seconda chemio

    "Sono incazzato, per le notizie che apprendo nei telegiornali". E' quanto avrebbe riferito il boss Matteo Messina Denaro a fonti sanitarie e penitenziarie all'interno del...