🔴 ULTIME NOTIZIE :

Accerchiato e rapinato al rione Conocal: il video virale sui social

Accerchiato, minacciato e rapinato della sua auto: serata da incubo per un'automobilista al rione Conocal di Ponticelli. Le immagini dell'assalto di 4 banditi armati di pistola sono stati girati da una delle tante persone perbene che abitano nella zona e che sono costrette a vivere rintanate in casa per evitare...

Morto l’orso Juan Carrito, investito da un’auto l’animale mansueto diventato una star sui social per le sue scorribande

L’orso Juan Carrito è morto. L’animale è stato investito da un’auto attorno alle ore 18.30 […]

    L’orso Juan Carrito è morto. L’animale è stato investito da un’auto attorno alle ore 18.30 sulla statale 17 al bivio per il cimitero di Castel di Sangro (L’Aquila). Sono stati i carabinieri forestali a confermare il decesso del plantigrado identificato come Orso M20. L’orso è stato travolto da una Golf Volkswagen guidata da un giovane trentenne accompagnato dalla sua fidanzata che fortunatamente sono rimasti illesi nell’impatto del mezzo contro l’animale. L’orso era conosciuto per le passeggiate notturne nei paesi di montagna, per le visite nei pollai. In un’occasione fu sorpreso di notte in una panetteria, a fare incetta di dolci. Venne fotografato mentre beveva ad una fontanella pubblica in un paese, mentre girovagava in Marsica e scorrazzava sulle piste da sci di Campo di Giove (L’Aquila).

    Più di un anno fa, con molta calma, venne ripreso in un video mentre provava a giocare con un cane lupo piuttosto aggressivo, sciolto all’ingresso di un sentiero di montagna a Villalago (L’Aquila). Il cane gli abbaiava contro, ma nel video era palese che l’orso, tranquillo e mansueto, sembrava voler giocare con il suo amico a 4 zampe. Girava nei centri abitati delle località turistiche montane e si avvicinava alla gente, si era guadagnato anche un reportage su Vanityfair. In breve l’animale con le sue scorribande era diventato una star sui social.

    I comuni montani abruzzesi e molisani hanno potuto giovare del ritorno pubblicitario del giovane Carrito. Il plantigrado fu catturato e ospitato, per un certo periodo, in un’area faunistica a Palena (L’Aquila). Si tratta di un esemplare di Orso bruno marsicano di 150 chili, è uno dei 4 gemelli di mamma Amarena, nato nel Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise a primavera del 2020. Un orso confidente, cioè che si avvicinava alla gente. Hanno spiegato gli esperti dell’area protetta e Carrito si spostava con nonchalance tra Roccaraso e Pescasseroli, sempre nell’aquilano montano, in cerca di cibo. Mesi dopo la cattura e la permanenza a Palena, l’animale è poi tornato libero. In Italia, in base ai recenti censimenti, sono rimasti poco più di 50 esemplari di questa specie e attraverso i progetti dell’Unione europea l’impegno era di raddoppiare l’areale della specie e il numero di individui presenti entro il 2050. Sul posto dell’incidente sono intervenuti i carabinieri di Castel di Sangro, i carabinieri forestali del Parco nazionale d’Abruzzo, la polizia e i vigili del fuoco.

    Continua a leggere

    google news

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Primo caso in Campania per la nuova legge ‘salvasuicidi’

    La nuova legge 'salva-suicidi' trova l'applicazione pratica nel codice della crisi con l'articolo 283. In particolare a Napoli, primo caso in Campania (secondo a livello...

    Fondazione Vassallo: docufilm ‘La Verità negata’, a maggio la prima proiezione

      Il cortometraggio su Angelo Vassallo, trasposizione indipendente di una storia di intrecci e di mezze verità nascoste Dario Vassallo: “Vogliamo farne un film. Cerchiamo un...

    Borgo Sant’Antonio Abate, cerca di disfarsi della droga: arrestato

    Stanotte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, hanno effettuato un controllo in uno stabile di via Sant’Antonio Abate...

    Sant’Antimo, pusher arrestato dalla polizia

    Stamattina gli agenti del Commissariato di Frattamaggiore, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno notato in via Medi a Sant’Antimo...