Ischia e Procida, minorenni in giro con armi: tutti denunciati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Hanno appena 15 anni i ragazzini armati, denunciati dai Carabinieri della compagnia di Ischia durante un servizio di controllo del territorio. Non avevano mai avuto problemi con la legge, entrambi studenti delle superiori.

Quando i militari hanno chiesto loro di mostrare il contenuto delle tasche sono saltati fuori un coltello con una lama di 15 centimetri e un altro di 2 cm più grande.
Armi che avrebbero potuto ferire e uccidere ora sequestrate.

Qualche anno in più per un procidano, in giro per l’isola con un pugnale di 20 centimetri. La scusa è sempre la stessa: “Devo potermi difendere!”. Tutti dovranno rispondere di porto abusivo di armi.

    Non solo armi tra le mani dei più giovani. A circolare anche droga. Segnalati alla Prefettura diversi assuntori di stupefacenti. Tra questi un 18enne, un 23enne e un 37enne, trovati in possesso di hashish e marijuana in piccole dosi pensate per un utilizzo “ricreativo”.

    Nel bilancio anche una denuncia per furto aggravato. Nell’abitazione di un 27enne incensurato di Ischia, i carabinieri hanno rilevato un allaccio abusivo alla rete idrica.
    Durante il servizio sono state notificate decine di contravvenzioni al cds. Molte di queste hanno portato al sequestro di auto e moto.I controlli continueranno anche nelle prossime ore.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Voragine al Vomero: gli edifici evacuati sono due

     Forze dell'ordine presidiano la zona per evitare l'arrivo di sciacalli nelle case

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Angri, ladri al ristorante con ragazzi autistici, Gemma: “Atto vile verso i più deboli”

    "Un attacco vile ha colpito il ristorante solidale Raù di Angri, in provincia di Salerno. Sono vicina ai fondatori del laboratorio che si occupa...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE