Il CEO di Instagram lo ammette, i video sono diventati il focus primario del social

SULLO STESSO ARGOMENTO

Non serviva che lo scrivesse esplicitamente poiché la direzione presa era già sotto gli occhi di tutti, ma di recente il CEO di Instagram, Adam Mosseri, ha ammesso che la piattaforma ha spostato troppo l’attenzione sui contenuti video a scapito di quelli fotografici, per i quali il social ha preso vita.

Nel corso degli ultimi anni, Meta ha cambiato il focus di Instagram, che ricordiamo è nato come un’app per foto, ma poi l’arrivo di nuovi competitor ha spinto la società ad aprirsi ai video brevi, a causa di TikTok in primis. Ciò ha lasciato molti utenti insoddisfatti della piega in atto e dopo che Instagram ha annullato le modifiche al design che volevano rendere l’app sempre più simile a TikTok, Mosseri ha dichiarato che la piattaforma si concentrerà di nuovo sull’equilibrio tra la quantità di foto e video mostrati agli utenti. Ecco un estratto della Storia, salvato prima della scomparsa dopo 24 ore dalla pubblicazione.

Abbiamo sicuramente un certo numero di fotografi che sono rimasti sconvolti. Voglio essere chiaro: anche se ci stiamo appoggiando ai video, diamo ancora valore alle foto. Le foto faranno sempre parte di Instagram. Penso che nel 2022 ci siamo concentrati troppo sui video e abbiamo spinto troppo in là la classifica e sostanzialmente abbiamo mostrato troppi video e non abbastanza foto. Da allora abbiamo bilanciato, quindi cose come la frequenza con cui a qualcuno piacciono le foto rispetto ai video e la frequenza con cui qualcuno commenta le foto rispetto ai video sono più o meno uguali, il che è un buon segno che le cose sono equilibrate. E quindi, nella misura in cui nel tempo ci saranno più video su Instagram, sarà perché questo è ciò che guida di più il coinvolgimento complessivo. Ma le foto saranno sempre una parte importante di ciò che facciamo. E ci saranno sempre persone che amano e sono interessate a trovare foto su Instagram e altrove. E voglio assicurarmi che siamo molto chiari su questo.



    Mosseri ha sostanzialmente voluto spiegare che la società continuerà a investire nei video, poiché questi contenuti hanno generato più coinvolgimento in generale, ma che Instagram non eliminerà le foto dalla sua app. Taa le tante domande poste e le risposte fornite, Mosseri ha anche affrontato l’argomento spam sulla piattaforma.

    “Abbiamo sicuramente spam e bot su Instagram. Stiamo facendo del nostro meglio per ridurlo. Sono particolarmente preoccupato per i commenti in questo momento; è qualcosa che stiamo effettivamente esaminando attivamente e speriamo di migliorare nel corso dell’anno. Ho notato un aumento dello spam e degli account bot che apprezzano le mie storie, il che, almeno per me, è più fastidioso dei commenti fasulli.”

    All’inizio di questa settimana, Instagram ha annunciato nuove funzionalità tra cui la modalità silenziosa e la possibilità di contrassegnare più post nella pagina Esplora come “non interessanti”, con quest’ultima novità che dovrebbe migliorare i contenuti consigliati sui profili.

    Continua a leggere




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Mobilitazione dei lavoratori Softlab: richiesta di intervento diretto a De Luca

    I dipendenti dell'azienda Softlab di Caserta terranno un presidio il primo marzo a Napoli davanti alla Regione Campania, per denunciare la difficile situazione in cui versano. La vertenza, protrattasi per anni, coinvolge circa 200 ex dipendenti Jabil ora in Softlab. Le segreterie sindacali Fiom-Cgil, Fim-Cisl, Uilm e Failms hanno annunciato una nuova iniziativa per ottenere una soluzione. Gli addetti Softlab consegneranno al presidente De Luca una lettera in cui chiedono il suo diretto coinvolgimento in...

    Aversa, deposito di gas GPL senza autorizzazione: denunciato un 58enne

    I carabinieri hanno scoperto e sequestrato un deposito abusivo di bombole di gas GPL gestito da un cittadino di 58 anni nella sua proprietà ad Aversa. Durante l'intervento, è emerso che il deposito non aveva alcuna autorizzazione e mancava dei requisiti minimi di sicurezza. Nel corso dell'ispezione, sono state rinvenute diverse bombole di GPL, alcune delle quali piene e dotate di tappo di sicurezza, insieme a un'attrezzatura rudimentale per il riempimento delle bombole. È emerso che...

    Camorra, chiusi i centri scommesse del clan D’Alessandro: 7 arresti

    Castellammare. Duro colpo all'economia illegale del clan D'Alessandro. Arrestati 7 affiliati e prestanomi della potente cosca camorristica che ha il suo quartier generale nel quartiere collinare di Scanzano. Grazie a una capillare indagine della Guardia di finanza di Castellammare, sotto il coordinamento della direzione distrettuale antimafia di Napoli sono stati individuati e chiusi centri scommesse. Le accuse nei confronti dei sette arrestati sono di associazione per delinquere,  trasferimento illecito di denaro, auto riciclaggio ed estorsione a...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE