Claudio Longo firma la colonna sonora del film ‘Ma tu, mi vuoi bene?’ di Piermaria Cecchini

cronache campania

“La musica per l’immagine per me rappresenta un veicolo unico per esprimere e soprattutto evocare atmosfere emozionali. Ho scelto di comporre musica di questo genere perché sono un creativo e un sognatore in questo modo riesco a viaggiare nei miei sogni attraverso la musica”.

È da poco uscito nelle sale il film di esordio come regista di Piermaria Cecchini, “Ma tu, mi vuoi bene?”, un film drammatico che racconta la storia di Lorenzo, giovane manager di successo che inizia un viaggio introspettivo per cercare di trovare una risposta ai tanti dubbi su di sé.

E, in parallelo, esce anche la colonna sonora del film, scritta dal compositore Claudio Luongo.

Il film con la regia di Pier Maria Cecchini è un viaggio che ognuno di noi prima o poi è costretto a compiere per conoscersi e riconoscersi, la sceneggiatura è tratta dall’omonimo romanzo di Marco Tregioli e traccia il sentiero del protagonista nel suo mondo interiore. Con la musica di conseguenza ho cercato di disegnare e esprimere quel mondo interiore che difficilmente può essere espresso con altre forme artistiche”.

Guarda il trailer

Compositore conosciuto per i suoi lavori in TV (ricordiamo la sigla del programma “Sereno variabile”, in onda su Rai 2), Claudio Luongo collabora con svariati registi a cui fornisce il suo supporto musicale.

“Ho lavorato molto sui documentari, in particolar modo con il regista Riccardo Barbieri con il quale ho trovato con il tempo un’intesa artistica come accade spesso fra regista e musicista, ma anche con Pier Maria Cecchini, Alessandro Ingargiola, Pino Nazio, Luca Morsella, Alessandro di Majo, ed ho sempre seguito le intenzioni e la poetica di ognuno di loro senza mai forzare il mio punto di vista”.

In uscita per Aventino Music, alle musiche hanno collaborato i musicisti Claudio Scozzafava alle chitarre, Franco Scozzafava al violino e Riccardo Luongo al sassofono.

Mixato da Claudio Scozzafava e masterizzato da Dario Giuffrida.