Al via ‘Il libro si fa in quattro’, progetto a cura di Salerno Letteratura Festival e Fondazione Campania de...

SULLO STESSO ARGOMENTO

Lunedì 30 gennaio prende il via “Il libro si fa in quattro”, progetto destinato alle scuole secondarie di I grado della Regione Campania, a cura di Duna di Sale Associazione e Fondazione Campania dei Festival, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania nell’ambito del progetto ORIENTAlife, che vede coinvolti Salerno Letteratura Festival, la casa editrice Biancoenero, e tredici scuole nelle province di Napoli, Salerno, Benevento e Caserta. Al progetto partecipano anche docenti del Laboratorio di Storytelling Audiovisivo del Dipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione dell’Università di Salerno, e i professionisti dello staff della comunicazione di Salerno Letteratura. Lo start è con l’istituto Gneo Nevio di Napoli.

“Questo progetto ci vede coinvolti per la prima volta in una azione con le scuole su scala regionale, e siamo molto grati alla Fondazione Campania dei Festival per avercene dato l’opportunità – spiega Daria Limatola presidente di Duna di Sale – Il libro si fa in quattro rende gli studenti protagonisti nella gestione del processo di realizzazione di un libro: editing, grafica, marketing, ufficio stampa. Il tutto parte dal testo scritto per l’occasione dal pluripremiato autore Antonio Ferrara, e dalla collaborazione indispensabile con Biancoenero Edizioni, una casa editrice per ragazzi di cui condividiamo a pieno finalità e valori”.

“Il progetto Il libro si fa in quattro, – dichiara Alessandro Russo Segretario Generale della Fondazione Campania dei Festival – presentato durante la prima edizione del Campania Libri Festival, è la dimostrazione di quanto possa essere importante la collaborazione istituzionale tra Enti. L’apporto della Regione Campania e la sinergia nata tra la Fondazione Campania dei Festival, Salerno Letteratura Festival e l’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, danno la possibilità di offrire oggi alle scuole un progetto che mette gli studenti al centro dell’intero processo di realizzazione di un libro, facendogli toccare con mano tutte le fasi della sua creazione. Questa iniziativa ricade nell’ambito delle attività ORIENTAlife, per l’orientamento nelle scuole secondarie del primo ciclo di istruzione”.

    “Il Libro si fa in quattro” nasce dall’esigenza di trovare una modalità di avvicinamento alla lettura che risulti coinvolgente per le giovani studentesse e gli studenti che vi prenderanno parte. Scoprire in cosa consiste il processo di realizzazione e commercializzazione di un libro offre loro l’opportunità di fare un’esperienza diretta, che può essere un’occasione diversa, divertente e utile per avvicinarli al mondo dei libri. Il progetto presentato si divide in quattro fasi, interconnesse tra loro che si possono svolgere anche in parallelo e che costituiscono le tappe base attraverso cui passa un libro per poter essere immesso sul mercato: editing, grafica e illustrazione, marketing, presentazione al pubblico.

    LE SCUOLE COINVOLTE. IC Gneo Nievo di Napoli; IC Rita Levi Montalcini di Giugliano; IS Samuele Falco di Scafati; IC Romeo Cammisa di Sant’Antimo; IC Bovio Pontillo Pascoli di Cicciano; IC Donizetti-Plesso Viviani di Pollena Trocchia; ICS Luigi Settembrini di Gioia Sannitica; IC2 Sant’Agata de’ Goti di Sant’Agata de’ Goti; IC Ernesto Borrelli di Santa Maria La Carità; IC Giovanni Falcone di Sassano; IC Autonomia 82 di Baronissi; ICS Lucantonio Porzio di Positano; IC Giovanni XXIII di Cava de’ Tirreni.

    Istituita nel luglio del 2007, la Fondazione Campania dei Festival è un ente in-house providing della Regione Campania riconosciuto dal MiC, in rete con ItaliaFestival ed EFA (European Festivals Association). Oggi la Fondazione è un’istituzione culturale di ampio respiro che, in maniera permanente, produce e promuove progetti nei campi della valorizzazione dei beni culturali, dell’inclusione sociale e della formazione attraverso lo spettacolo dal vivo.

    Duna di Sale Associazione di Promozione Sociale e culturale E.T.S. lavora dal 2001 alla promozione della cultura, della letteratura. Organizza dal 2013 il festival Salerno Letteratura, che si tiene ogni anno a Salerno nella terza settimana di giugno, e molti altri eventi che coinvolgono autrici e autori italiani e stranieri.

    Biancoenero è una casa editrice indipendente nata a Roma nel 2005. Lavora da sempre al progetto Alta Leggibilità, per avvicinare ai libri tutti i ragazzi, anche quelli che hanno difficoltà di lettura. Dislessici, non madre lingua, lettori riluttanti, hanno bisogno più degli altri della verifica dell’effettiva leggibilità e chiarezza. Ecco perché Biancoenero, con la collaborazione di terapisti ed esperti, ha individuato precisi criteri linguistici e tipografici per rendere la lettura più accessibile a tutti, senza rinunciare alla qualità della narrazione e dei contenuti.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE