Clan Senese, va ai domiciliari uno dei fedelissimi del boss

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Corte di Appello di Roma, davanti alla quale pende il giudizio di secondo grado, investita dell’istanza di sostituzione della misura cautelare carceraria con quella degli arresti domiciliari, il 15 dicembre 2022, ha accolto le doglianze difensive proposte dagli avvocati Vincenzo Esposito e Cesare Placanica, disponendo la sostituzione della misura per Giovanni Giugliano.

In primo grado era stato condannato a 9 anni di reclusione, in concorso con altri imputati, per varie contestazioni di estorsione, autoriciclaggio e usura tutte aggravate dall’art. 416 bis 1 del codice penale.

Il collegio difensivo ha evidenziato come il quadro cautelare aveva già subito un consistente mutamento all’esito dell’annullamento in sede di riesame, anche sul disposto della Suprema Corte di Cassazione, di alcune ipotesi contestate di autoriciclaggio, estorsione e dell’aggravante dell’art. 416 bis 1 c.p.. Ad affievolire ulteriormente le esigenze cautelari è stata la fase dibattimentale dove è stata chiarita la posizione dell’imputato Giugliano Giovanni.



    Dopo la celebrazione del processo in primo grado, tutti gli imputati hanno presentato appello. Gli elementi probatori acquisiti in sede processuale, hanno consentito una svolta cautelare per molte posizioni con sostituzione della misura originariamente applicata.

    A seguito dell’inchiesta “Affari di famiglia” sul clan Senese, diretta dal Pubblico Ministero della DDA, nel luglio 2020 i militari del Nucleo Speciale Polizia Valutaria della Guardia di Finanza e personale della Squadra Mobile di Roma, con il supporto di altre unità operative del Corpo e della Polizia di Stato, diedero esecuzione a un’ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma, nei confronti di 28 persone e a un sequestro preventivo di beni per circa 15 milioni di euro.

    I reati contestati, a vario titolo e in concorso, sono quelli di estorsione, usura, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio, autoriciclaggio e reimpiego di proventi illeciti, con l’aggravante di aver agito con metodo mafioso agevolando la galassia criminale della camorra campana che, dalla terra di origine, si è delocalizzata, a partire dagli anni ottanta, anche nel Lazio e in altre regioni italiane.

    Dopo la celebrazione del processo in primo grado, tutti gli imputati hanno presentato appello. Gli elementi probatori acquisiti in sede processuale, hanno consentito una svolta cautelare per molte posizioni con sostituzione della misura originariamente applicata.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    EasyJet annuncia l’arrivo a Salerno, il primo volo previsto l’11 luglio

    EasyJet ha annunciato l'apertura di cinque nuove rotte dall'aeroporto di Salerno - Costa d'Amalfi, con il primo volo previsto per l'11 luglio. Le operazioni includono voli da Milano Malpensa, Basilea, Ginevra, Berlino e Londra Gatwick, con varie frequenze settimanali per ciascuna destinazione. Il CEO di easyJet, Johan Lundgren, ha confermato l'espansione durante una visita a Napoli insieme al CEO di Gesac, Roberto Barbieri. I biglietti per queste rotte sono ora disponibili per l'acquisto sul sito easyJet.com...

    Boscotrecase, donna morta di malasanità in ospedale: Asl paga risarcimento di un milione di euro

    L'ASL Napoli 3 Sud condannata per grave negligenza medica causante il decesso di una paziente a seguito di ricovero presso l'Ospedale di Boscotrecase

    Dehors abusivi nel Centro Direzionale di Napoli: sequestri e sanzioni

    Il reparto operativo San Lorenzo del Comune di Napoli ha scoperto tre attività di somministrazione nel Centro Direzionale che avevano installato dehors abusivi di dimensioni comprese tra i 40 e i 100 metri quadrati. Queste strutture, non autorizzate, erano completamente chiuse su tutti e quattro i lati e erano accessoriate con tavoli, sedie, sistemi audio-video, illuminazione a led e climatizzazione. Gli agenti hanno proceduto al sequestro penale delle strutture e i proprietari sono stati denunciati per...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE