Camorra, clan Gionta: chiesti 250 anni di carcere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sistema Gionta a Torre Annunziata la Dda di Napoli chiede oltre 250 anni di carcere per il boss Valentino Gionta e tutti i vertici del clan tra cui figlia, genero e nipote.

“Solo” 18 anni di carcere per il boss Valentino Gionta detenuto al 41 bis nel carcere di Sassari, pene maggiori invece richieste per Giuseppe Carpentieri, suo genero, (20 anni) rimasto ferito in un agguato mentre prendeva il sole sul terrazzo di casa. Era lui secondo la Dda a comandare il clan e a controllare il traffico di droga e il giro delle estorsioni a Torre Annunziata. Per la moglie, Teresa Gionta, figlia del boss invece la richiesta è stata di 15 anni di carcere.

Venti anni di carcere per i fedelissimo Alfredo Della Grotta e Salvatore Palumbo,  così come per Luca Cherillo, ritenuto ai vertici del nuovo clan del Quarto Sistema, composto da giovanissimi fuoriusciti dai Gionta e che da alcuni anni hanno iniziato una sorta di faida interna. Mentre suo fratello Pasquale Cherillo – come riporta Il Mattino- ha chiesto di essere giudicato con rito ordinario insieme a Raffaele Della Grotta.
Diciotto anni di carcere la richiesta anche per un altro Valentino Gionta, il 39enne figlio di Ernesto, fratello del capoclan.

    Quindici anni di carcere invece per Ciro Coppola (figlio dell’ergastolano Giuseppe)  e per Angelo Palumbo. Mentre per Antonio Cirillo, già a processo perché accusato di essere l’autore materiale dell’omicidio di Maurizio Cerrato, ucciso per un parcheggio,  la pena richiesta è di dodici anni di reclusione, come per Antonio Palumbo, Salvatore Agnello Palumbo, Michele Guarro (anche lui ferito in un agguato poche settimane prima dell’arresto) e Immacolata Salvatore, moglie di Pasquale Gionta. Chiesti infine dieci anni di carcere, infine, per Michele Colonia (rampollo del clan Gallo-Cavalieri) e Luigi Esposito.

    Leggi anche



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Minaccia di gettarsi nel vuoto per evitare l’arresto a Sant’Angelo dei Lombardi

    Una mattinata movimentata a Sant'Angelo dei Lombardi, in provincia di Avellino, si è conclusa fortunatamente senza conseguenze, quando un uomo di 63 anni ha...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

    A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE