google news

Casaluce, dissequestrato il conto corrente del Comitato festeggiamenti del Santuario

Una toementata vicenda giudiziaria aveva portato al sequestro di 25mila euro del Comitato festeggiamenti della Parrocchia della Madonna di Casaluce

    I Carabinieri della Stazione di Teverola, comandati dal maresciallo Amedeo Scialdone, hanno dissequestrato il conto corrente bancario di 25.000 euro del Comitato festeggiamenti della Parrocchia della Madonna di Casaluce e lo hanno restituito al suo legittimo titolare, il parroco del Santuario Santa Maria ad Nives.

    Questa la decisione eseguita su ordine del Pubblico Ministero del Tribunale di Napoli Nord, il dott. Francesco Persico, che ha accolto la richiesta dei legali del sacerdote, gli avvocati Raffaele e Gaetano Crisileo. Qualche mese fa’ la Procura Normanna (dopo indagini acquisizione di documenti), sequestro’ il conto corrente intestato al maresciallo della Guardia di Finanza Giuseppe Carione, ex presidente delegato del comitato di Casaluce e gli notifico’ l’avviso di conclusione delle indagini preliminari.

    Ora e’ prossima la fissazione dell’udienza preliminare. Intanto durante le indagini sempre il Pubblico Ministero aveva chiesto al Giudice la misura degli arresti domiciliari per Giuseppe Carione e dopo il non accoglimento della richiesta del GiP ha fatto ricorso al Tribunale del Riesame di Napoli.

    Parte offesa un prete di Casaluce che ha subito un pressante stalking dall’ ex militare accusato di estorsione, appropriazione indebita e di violenza privata.

    A breve il sottufficiale Giuseppe Carione dovra’ comparire dinanzi al Giudice per l’Udienza Preliminare, difeso dall’avv. Alfonso Quarto. Sara’ il nuovo Giudice a pronunciarsi sulle accuse mosse dalla Procura e dei difensori del parroco del Santuario di Casaluce che, esasperato dai comportamenti vessatori del militare, attraverso gli avvocati Crisileo invio’ ben sei querele contro Giuseppe Carione.

    I reati contestati dalla Procura normanna vanno dall’estorsione all’appropriazione indebita allo stalking e alla violenza privata. La storia inizia piu’ di un anno fa’ quando Carione venne rimosso, contro la sua volonta’, dalla carica di presidente delegato del comitato festeggiamenti della Madonna di Casaluce e spuntarono manifesti di protesta per l’intera citta’ contro il parroco.

    Un vero e propria persecuzione – secondo l’accusa  – con un unico bersaglio : colpire il sessantaquattrenne prete che fu costretto a ricorrere alle cure dei sanitari. Alla fine il prete si rivolse alla magistratura tramite i suoi legali gli avvocati, Raffaele e Gaetano Crisileo, che ottennero il sequestro del conto corrente del disciolto comitato del quale Carione si sarebbe appropriato.

    Cio’ nonostante il comportamento di stslking del militare e’ continuato cercando di screditare il sacerdote dinanzi ai fedeli; poi Carione inoltro’ anche un ricorso d’urgenza al Giudice civile per ottenere l’annullamento della cancellazione del comitato fatta dal prete. Ma il Presidente dott. Rabuano rigetto’ la sua richiesta e lo condanno’ anche al pagamento di 5000 euro per le spese legali.

    google news

    ULTIME NOTIZIE

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    CRONACHE TV